"Form Follows Fiction" a Rivoli - Magazine

Mostre Magazine Venerdì 21 dicembre 2001

"Form Follows Fiction" a Rivoli

Magazine - Museo d’Arte Contemporanea
Castello di Rivoli
Torino

Form Follows Fiction
17 October 2001 – 27 January 2002
Curatore: Jeffrey Deitch
Catalogo: Charta, Milan


Form Follows Fiction prende in esame la crescente confusione tra i concetti di realtà e di finzione sia all’interno delle pratiche artistiche contemporanee, che nella vita quotidiana.
Oggi, mentre alcuni elementi della vita contemporanea si avvicinano all’arte, e a sua volta l’arte entra sempre più direttamente nella vita, i confini tra artificiale e reale diventano sempre più sfumati. La mostra presenta una nuova generazione di artisti, che ha scelto di sviluppare nuovi modelli di realtà contemporanea. La realtà che propongono è quindi allo stesso tempo artificiosa e reale.

Tra gli artisti invitati:
Franz Ackermann, Amy Adler, Doug Aitken, Vanessa Beecroft, Gregory Crewdson, John Currin, Olafur Eliasson, Cai Guo-Qiang, Pierre Huyghe, Kurt Kauper, Toba Khedoori, Matthieu Laurette, Margherita Manzelli, Mariko Mori, Takashi Murakami, Tim Noble and Sue Webster, Chris Ofili, Gabriel Orozco, Pipilotti Rist, Matthew Ritchie, Kara Walker.

Form Follows Fiction era il principio di base del Modernismo. Il mainstream dell’arte e dell’architettura modernista si fondava in genere su una realtà materiale. L’architettura rispecchiava la funzione dello spazio, mentre l’arte rivelava i materiali con cui era creata.
Nel frattempo il nostro modello di realtà si è sempre più stratificato e ha perso in concretezza, di conseguenza l’arte si è orientata progressivamente verso i dettami del principio Form Follows Fiction.

Gli artisti più importanti degli ultimi cinque anni si stanno costruendo i loro universi estetici attraverso il loro lavoro. Sono mondi in cui si tende a perdere il nesso fra artificiale e reale. Alcuni di loro creano strutture artistiche che si intersecano con la vita di tutti i giorni, spingendo il pubblico proprio nel gap esistente tra finzione e realtà.
Altri creano mondi artificiali in cui passato, presente e futuro collasano in un'unica categoria e dove le icone storiche dell’arte e i detriti della cultura popolare contemporanea hanno lo stesso peso. Altri ancora stanno creando complessi sistemi artificiali, che fondono elementi della realtà con elementi dell’immaginario.

Form Follows Fiction è una mostra concepita come il seguito naturale di Post Human, sempre curata da Jeffrey Deitch, e presentata al Castello di Rivoli nel 1992. Form Follows Fiction porta avanti l’esplorazione avviata da Post Human, su un nuovo modello della condizione umana, che si spinge oltre nella confusione tra l’artificiale e il reale.

MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA CASTELLO DI RIVOLI
Piazza Mafalda di Savoia
10098 Rivoli (Torino)
tel. 011.9565222
www.castellodirivoli.org


ORARIO D'APERTURA da martedì a venerdì: 10-17
sabato e domenica: 10-19
primo e terzo sabato del mese: 10-22
lunedì chiuso, aperto il lunedì di Pasqua, chiuso il 25 dicembre, il 1° gennaio e il 1° maggio.

Traduzione del testo dall'inglese a cura di Laura Santini

Potrebbe interessarti anche: , Ad Ascona la mostra tematica Arte e Perturbante , Biennale di Venezia 2017: Viva arte Viva. Da Roberto Cuoghi a Damien Hirst , Lucca Comics 2016: Da Zerocalcare a Gipi, fino ai Cosplay , Anime nere: la Calabria tra letteratura e cinema , Addio a Mario Dondero, fotografo del '900 più vero