Ho fatto mentelocale X 365 giorni - Magazine

Teatro Magazine Venerdì 14 dicembre 2001

Ho fatto mentelocale X 365 giorni

Magazine - 15 dicembre 2000.
15 dicembre 2001.
Domani: Un anno.
Il Primo compleanno senza Primo dentino.
Due sezioni da curare Teatro e Notizie dal mondo.
Ieri, una festa. Oggi, in un freddo veramente invernale, ci raccontiamo.
Cosa c’è da raccontare? Molto.
Nel sito abbiamo superato ormai i 4000 contenuti inseriti.
Cosa vuol dire? Semplice, che noi, piccolo popolo dei mentelocaliani, e alcuni nostri fedeli lettori, collaboratori nonché, in alcuni casi affezionati amici, abbiamo prodotto racconti, reportage, approfondimenti e altre varianti scritte, su notizie genovesi e mondiali che si possono leggere su www.mentelocale.it.

Parole e numeri si rincorrono furibondi mentre scrivo questo giovane mémoir. Scrivere per un sito ha molto a che vedere con i numeri. È in generale il mondo dell’editoria ad insegnare il legame tra cifre e lettere, parlando della lunghezza di scritti e articoli in termini di battute, 1000, 2000, 20.000... Per noi il max è 5000 e credetemi per molti – me inclusa soprattutto – è stata dura. Nell’immaginario, la scrittura è un fluire senza meta della vena creativa, di flussi cerebrali in vena di itinerari fantasiosi. Qui significa raccontare qualcosa entro i 5000 caratteri e possibilmente molto meno, "ché il lettore di internet corre".
Nella pratica, poi, scrivere è un lavoro determinato da scelte strategiche e regole di marketing. Ci sono tematiche più interessanti, altre meno - come ahimé il teatro - che non trovano, per così dire, nella scrittura un grande riscontro. Il loro posto è forse altrove.

La sezione di teatro è nata in un momento in cui su internet erano in molti, del mondo dello spettacolo, a creare spazi dedicati. Ma un vero e proprio magazine on-line non c'era.
Oggi abbiamo già creato un archivio, Stagione 00-'01, in cui abbiamo messo da parte il lavoro dell'anno scorso - interviste, recensioni, etc. -per dedicare spazio fresco alle proposte di quest'anno. Il bello del teatro, secondo me è che leggersi una recensione dell'anno scorso in alcuni casi può essere molto interessante, un po' come leggersi un racconto. Non vi consiglierò niente in particolare, ma vi chiedo di farci una navigata e soffermarvi qua e la a mordicchiare qualche storia.

Vi voglio dare anche un altro consiglino: prendetevi un po’ di tempo in più, di quello che normalmente dedicate a Internet e leggetevi qualcuno dei “racconti-riflessioni” che ho selezionato per voi qui sotto. Qualcuno è frutto di autorevoli firme come Francesca Mazzucato, o Maria Pace Ottieri.
Infine, è tutto gratis, vi consiglio di partecipare scrivendoci, ché da fuori i numeri non contano e i contributi esterni sono sempre ben accetti. Letti e presi in grande considerazione, per la maggior parte vengono pubblicati.
Ma va? Sì, davvero. E non si tratta di informazione pubblicitaria.

Buona lettura e… Scusate, comunicazione interna: buon compleanno a tutti gli altri, Capa compresa.

Consigli di lettura sul G8:
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo

Consigli di lettura su L’America in Guerra:
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo


Vi ricordate della festa di inaugurazione dell'anno scorso?
Ecco le immagini (foto di Michele Rossi) per chi c'era e per chi non c'era www.ioweb.it/m

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin