Un regalo di Natale da Emergency - Magazine

Teatro Magazine Teatro della Corte Venerdì 7 dicembre 2001

Un regalo di Natale da Emergency

Magazine - "In zone di guerra, non può valere il principio "prima il più grave". Non ti puoi permettere di spendere tre ore a operare qualcuno con poche probabilità di sopravvivere. Consumi inutilmente energie e materiali, e, soprattutto, altra gente morirà nel frattempo, gente che avrebbe potuto salvarsi se operata prima."
(Gino Strada, da I Pappagalli Verdi, Feltrinelli)


Pausa.
Aiutare chi aiuta.
Un'azione non sempre facile come ci insegnano, in modo drammatico, le parole di Gino Strada.
Uno slogan e un invito promosso dal Teatro Stabile di Genova in occasione del rilancio della campagna abbonamenti natalizia a favore quest’anno di Emergency.
“Scegliendo di regalare o regalarti un abbonamento a prezzo ridotto”, segnala il manifestino, “questo natale potrai contribuire a sostenere le attività e i progetti umanitari nelle zone devastate dalle guerre. Infatti l’equivalente del costo di un tagliando dell’abbonamento scelto, verrà devoluto ad Emergency”.
Alla presentazione di questa onorevole iniziativa, stamattina, erano presenti oltre al direttore del teatro, Carlo Repetti, il responsabile di Emergency a Genova Antonio Giancalone, l’artista Beppe Gambetta, Davide Ferrari di Echo Art e Don Gallo. Doveva partecipare anche Lello Arena, testimonial ufficiale, ma è stato trattenuto a Torino. Ma come ha voluto sottolineare Repetti, “Don Gallo è un perfetto testimonial in una mattina in cui si parla di chi sta dalla parte giusta nel mondo.”
Nel discorso introduttivo Repetti è stato giustamente breve, data l’occasione già eloquente, e ha chiamato alla riflessione il pubblico sul lessico corrente che ogni giorno su giornali ,radio e TV accomuna il mondo dello spettacolo a quello dei conflitti armati nella metafora “teatro di guerra”. Ma “i protagonisti di quel teatro sono gli uomini e le donne di emergency che sono li per aiutare chi ha disperato bisogno di aiuto”. Dunque pertinente l’invito che Emergency rivolge a tutti in un momento di particolare emergenza.

Giancalone ha sottolineato come il momento sia particolarmente propizio per ricevere un aiuto economico, dal momento che l’associazione umanitaria ha appena rifiutato un finanziamento dello stato italiano di tre miliardi di lire giudicato non opportuno da uno stato che si è armato per andare in guerra. Il rappresentante genovese dell’associazione ringraziando il teatro aggiunge un ringraziamento al pubblico genovese e alla città tutta che è seconda solo a Milano per iniziative a favore di Emergency. Gino Strada, il noto chirurgo milanese fondatore nel 1994 dell’associazione, dovrebbe tornare in Italia tra breve e Don Gallo lo invita pubblicamente dicendo “gli dica che vogliamo abbracciarlo”.

Presenti alla mattinata anche alcuni rappresentati di altre associazioni a scopo benefico sostenendo l’iniziativa hanno ribadito l’importanza e il lavoro di alto valore umanitario dell’associazione, presente nei luoghi di conflitto anche quando i conflitti non sono più o non sono ancora oggetto di curiosità per la stampa.

Gli abbonamenti sono in vendita ai botteghini del Teatro della Corte e del Teatro Duse e in prenotazione presso i presidi di Emergency.
Per informazioni 010 5342303 – 302 – 304 - 222

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin