LAvare VOlare ROtolare: lavorare - Magazine

LAvare VOlare ROtolare: lavorare

Attualità e tendenze Magazine Lunedì 26 novembre 2001

Magazine - Prende il via l'ultimo capitolo del nostro progetto Leggi l'articolo .

Inviateci le vostre testimonianze

Lavorate? Siete contenti? Oppure quello che fate proprio non vi va, erano altri i vostri sogni.
Con la nascita del lavoro interinale sta cambiando il rapporto e la modalità di approccio dei giovani alle professioni? Gli stage nel periodo delle scuole superiori o dell'Università cambiano le aspettative verso l'attività lavorativa? Oggi quasi tutti i master post-universitari prevedono uno stage in azienda, un modo per imparare, ma anche per farsi conoscere e apprezzare.
Il mondo del lavoro è cambiato sia in termini di figure professionali richieste sia nella contrattualistica. Il mondo virtuale del web, ad esempio, richiede personale di diverse provenienze formative: dal grafico allo sviluppatore che conosce i linguaggi di programmazione (html, Java, Java script, Pascal, etc.), dal sistemista che fa manutenzione al web editor che scrive i contenuti, cioè il mio lavoro. Non mancano le figure tradizionali, tipo l'impiegato. Il tutto però è più dinamico di un tempo.
Anche nel mondo dei trasporti e della logistica le cose si muovono ed evolvono verso nuove strategie e dunque chiedono nuove capacità e abilità professionali.

C’è poi anche chi aspira a mettersi in proprio e fare l’imprenditore. Dal settore edile a quello alimentare, differenziando l’offerta dei prodotti o specializzandosi si cerca di coprire nicchie di mercato emergenti (agricoltura biologica, intermediazione).

Ci sono lavori artistici e legati al mondo dello spettacolo, oggi più che mai realtà sommerse, schiacciate dalle necessità economiche. Costretti ad un lavoro diverso con cui "pagare l'affitto", spesso i giovani devono accettare scelte professionali per cui non si sentono portati. C'è invece chi ce l'ha fatta, ma come?

C'è chi lavora per rendersi presto indipendente dalla famiglia. Chi ha questo desiderio? Lo sentono di più i ragazzi o le ragazze? Quali lavori preferiscono o trovano?

E il lavoro per le ONG? Il volontariato porta a una formazione o è soltanto un momento che non influisce sulla costituzione di una professionalità?

Moltissime le questioni in campo, migliaia i punti di vista di chi vive e sperimenta il variegato mondo del lavoro.
Mandateci i vostri contributi su tutto quello che vi passa per la testa riguardo alle vostre esperienze professionali. Scrivete, scrivete, scrivete.
Vogliamo sentire la vostra voce e darvi spazio in un libro che verrà pubblicato a marzo, per i tipi della Fratelli Frilli Editori.


, ricordandoti di scrivere anche nome, cognome, indirizzo e numero di telefono. Ti contatteremo perché tu ci autorizzi alla eventuale pubblicazione sul libro. Per pubblicarti su mentelocale.it, basta il semplice invio del materiale che viene considerato come tacita autorizzazione.

Potrebbe interessarti anche: , Imparare una lingua? Questione di cervello: gli effetti sulla mente e le strategie vincenti , Lievito di birra fatto in casa: la ricetta e gli ingredienti , L'orto ai tempi del Coronavirus: cosa seminare ad aprile, tra verdura e frutta , Mascherine e Coronavirus: chi le deve indossare e come. Quando l'utilizzo è dannoso , Coronavirus: Inps, come avere il bonus da 600 euro per gli autonomi. Le istruzioni

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!