Magazine Lunedì 5 novembre 2001

''Parole Migranti'' a Bolzano

Magazine - Dal 5 novembre al 14 dicembre a Bolzano comincia Parole Migranti a Bolzano Poesia, un festival, interamente dedicato al multilinguismo europeo e ai dialetti. L’iniziativa è la prima tappa di un progetto, organizzato con Multifrazione Progetti, e riferito all’Anno Europeo delle Lingue, che coinvolge successivamente Roma e Palermo e scambi con Francoforte e Barcellona. Tema dell’importante rassegna: la pluralità delle lingue e l’individuazione delle loro migrazioni dalle radici comuni, ma anche i dialetti, che oggi conoscono una stagione di rinnovato interesse e una grande fioritura nella poesia.

Con un programma fitto di appuntamenti, ospitati in diversi luoghi della città, Parole Migranti / Bolzano-Poesia inventa un proprio percorso, fatto di reading di poesia dialettale, concerti di musica etnica, escursioni di poesia classica e contemporanea tedesca, melologhi, incontri con critici e linguisti, seminari per studenti, spettacoli di cabaret, improvvisazioni. La Promozione delle diversità linguistiche delle comunità, coltiva la dimensione di intreccio tra le arti, di esplorazione di nuovi linguaggi.

Apre la rassegna, lunedì 5 novembre (h. 21.30 - Circolo Masetti), Emidio Clementi, leader dei Massimo Volume, autore della colonna sonora del film Almost Blue, che presenterà la messa in scena in musica del suo ultimo romanzo La notte del Fratello (Fazi Ed.).

Per La lingua colta martedì 6 novembre (h. 10 - Teatro Carambolage), Lectura Dantis, riscrittura vocale della poesia ad opera della poetessa e traduttrice Rosaria Lo Russo, autrice a sua volta di una Commedia (Bompiani, 1998). Mentre alle 21.30, al Circolo Masetti, è in programma Voci agli incroci, condotta dall’attrice Pia Engleberth, un’occasione per incontrare alcune peculiari espressioni del rapporto parola-suono e parola-musica. Protagonisti della serata Mara Redeghieri, autrice e voce inconfondibile degli Üstmamo, accompagnata dal violino elettrico di Ezio Bonicelli (Üstmamo); Paolo Ciarchi, compositore milanese dalla militanza dodecennale con Fo, Jannacci, Lauzi, noto per aver sviluppato un personalissimo talento di rumorista, “specializzato” nel produrre suoni con strumenti non strumenti; Rosaria Lo Russo; Sonia Bergamasco, giunta al successo di pubblico grazie al film L’amore probabilmente, di Giuseppe Bertolucci.

E proprio la Bergamasco, accompagnata al pianoforte da Orietta Cainello, mercoledì 7 novembre (h. 10 - Teatro Carambolage), per La lingua colta, interpreterà melologhi di autori romantici e contemporanei.

Giovedì 8 novembre, 3 gli appuntamenti in programma. Nella Scuola Media “Ugo Foscolo”, Luigi Reitani, autore di studi e ricerche sulla letteratura austriaca del ‘900 e sull’opera di Friedrich Hölderlin, che proporrà la lettura di alcune poesie di Friederike Mayröcker, scrittrice viennese (1924) recentemente insignita del premio Büchner. Mentre alle 18.30, presso la Libreria Ko-libri, tavola rotonda sul tema Parlare non è mai neutro. Incontro che affronterà il tema del sessismo nella lingua con Lidia Menapace, Patrizia Cordin, Mariapia Zanetti, Silvana Mongioj. La sera alle 20.30, nella Sala Polifunzionale Europa, in collaborazione con Associazione di Cultura Creativa Nemo, Il Dialetto per Diletto, con Eugen Galasso, Maria Luisa Borzaga, Roberto Segnan.

L’Albero dei Dialetti è il titolo della serata in programma venerdì 9 novembre (h. 20.30 - Auditorium Haydn). Franca Grisoni, Ciccio Capasso, Sepp Messner, Mauro Chechi e gli improvvisatori toscani proporranno un intreccio di poesia dialettale, improvvisazioni in ottava rima, ballate, canzoni classiche napoletane. Conduce l’attrice Lorenza Franzoni.

Il 10 novembre, (h. 17 - Biblioteca Civica) è prevista una conferenza su Lo Scrivere in Dialetto, di Andrea Cortellessa e Ferruccio Delle Cave. Andrea Cortellessa indagherà tre voci in dialetto, fra le più alte del ‘900 italiano: il trevigiano Calzavara (1907-2000), il marchigiano Scataglini (1930-1994), il romagnolo Raffaello Baldini (1924 e felicemente vivente). Ferruccio delle Cave interverrà sull’uso del dialetto nella letteratura sud-tirolese in lingua tedesca.
La sera (h. 21), al Circolo Masetti, la Bonifica Emiliana Veneta si esibirà in concerto.

La poesia tra lingua materna e lingua straniera è il tema della conferenza di Antonio Prete, (Università di Siena), che si terrà il 22 novembre (h. 18.30 - Libreria Mardi Gras).

Gran finale per Parole Migranti - Bolzano Poesia venerdì 14 dicembre, (h. 11), con il più noto rappresentante del teatro yiddish, Moni Ovadia, che incontra gli studenti al Nuovo Teatro.

per informazioni
Paola Bernardi 0471 99738
e-mail:
sito www.parolemigranti.org

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Legittima difesa [1] Di Henri-Georges Clouzot Poliziesco Francia, 1947 Guarda la scheda del film