Magazine Venerdì 12 ottobre 2001

Orengo: note a piè di pagina di un'anima

Magazine - «Questo libro è indisponente, perché si dispone male in libreria, se lo mettete nella fila di libri ve la scombina tutta. Ma dentro è estremamente disponibile: ci sono luoghi che appartengono a Orengo, e lui ve li regala». Parla di “geografia dell’anima”, Maurizio Maggiani, presentando Terre blu. Sguardi sulla riviera di ponente di Nico Orengo, edito dal Melangolo. E specifica: «Questo non è nemmeno un libro. È un oggetto letterario, c’è molta letteratura dentro, ma è soprattutto un album. Un bell’album».

Un album, secondo Maggiani, è un luogo dove si ricompongono, si manipolano i ricordi: «Quando appiccicate una foto è già un ricordo. Ma quando andate a rivederla, quella persona o quel luogo sono diversi da quando avete scattato la foto: sono diventati luoghi e persone della vostra anima, ne siete padroni assoluti. A quel punto forse sarebbe meglio non incontrarli più nella realtà, perché ne restereste delusi».

È un’operazione molto intima, quindi, quella portata a termine da Orengo con questo libro: «Quando si scrivono romanzi o poesie si ha sempre un po’ di imbarazzo a usare “l’io”. In questo caso è diverso, è naturale raccontare in prima persona: in un certo senso Terre blu è una specie di lunghissima nota a piè di pagina a quello che ho scritto finora».

Parla delle “piogge tiepide e rassicuranti di ottobre”, del mare liberato dai turisti, di una terra “dell’uno”, dove tutto si misura secondo l’unità di misura minima: una foglia di basilico, un gambo d’insalata, segno di una “dignitosa povertà del dopoguerra”.

Parla dei paesi della sua riviera, con un po’ di timore:«Forse non bisognerebbe parlarne, per salvarli. Ho quasi paura che a forza di fare un nome lo si consumi. Guardate le foto, sono molto belle, forse troppo: rappresentano una Liguria che non c’è più. Se si sposta l’inquadratura di uno o due millimetri si scopre sicuramente qualcosa che non va». Anche per questo motivo si parla di un album e non di un libro: «L’album dà un’idea di movimento. Il ricordo dell’album non è immutabile, ma ha un inchiostro di avvicinamento a quello che si vorrebbe fosse definitivo».

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca

Oggi al cinema

Mia e il leone bianco Di Gilles de Maistre Drammatico 2018 Mia è una quattordicenne che vive in Sudafrica insieme ai genitori. Fin da piccina ha giocato con un cucciolo di leone bianco di nome Charlie costruendo una splendida amicizia con l'esemplare. Un giorno Mia scopre che il padre vuole vendere Charlie... Guarda la scheda del film