FUORI SCENA dal 18 al 20 ottobre - Magazine

Attualità Magazine Giovedì 11 ottobre 2001

FUORI SCENA dal 18 al 20 ottobre

Magazine - Il convegno si articola su tre giornate, dal 18 al 20 ottobre. Nella sede del Palazzo della Borsa, si parlerà di teatro in modo trasversale, ma anche di questioni che lo contemplano come modello da utilizzare in altri ambiti disciplinari.
Ecco il programma definitivo completo di una descrizione delle tematiche che verranno affrontate nelle singole sessioni.


Giovedì 18.10
Ore 15 Saluti
Giuseppe Pericu (Sindaco di Genova)
Paolo Odone (Presidente della Camera di Commercio di Genova)
Apre la sessione Giuliano Urbani (Ministro dei Beni Culturali)
Premessa
(Presidente Fondazione Carige); (Università di Siena)
Ore 16 Teatro e mass media
L’influenza dei mass media sullo spettacolo teatrale.
Introduce (Università di Torino)
Intervengono: Antonio Audino - critico teatrale il Sole 24 Ore; Arnaldo Bagnasco, scrittore; Gioachino Chiarini, Università di Siena; Emanuele Luzzati, scenografo; Giancarlo Santalmassi, direttore Radio 24

In questa prima sessione si discute dell'influenza che i mass media hanno avuto sul teatro, sui mutamenti intervenuti nella produzione, nella messa in scena, nel linguaggio e in tutto ciò che riguarda l'attività di questa forma espressiva. A volte si tenta di adattare o tradurre il teatro al cinema o alla televisione In altri casi si spettacolarizza la performance in teatro, mediante l'introduzione di nuove tecnologie, o costruendola come evento. Ma di fronte all'innovazione tecnologica può anche esserci rifiuto polemico, e ritorno al teatro "puro" di parola contro l'omologazione.

Venerdì 19.10
Ore 10 Il teatro e l'organizzazione produttiva.
Il ruolo dell'organizzazione economico-produttiva sulla gestione e il consumo del teatro.
Introduce Alberto Abruzzese (Università di Roma)
Intervengono: Robert Abirached - regista; Chiara Boni, stilista; , attrice; Elio Vera, presidente CESMA Centro Esperienze e Studi di Management

Il primo argomento, della seconda giornata, esamina il modo in cui "altre" organizzazioni economico-produttive influenzano la gestione e il consumo di teatro: gli sponsor, la pubblicità, il mecenatismo, il giornalismo, etc. In altri termini, il teatro finisce per essere cambiato da nuove idee o nuovi costumi della civiltà di massa. Accanto a questo fenomeno, va registrato il passaggio del modello teatrale in ambiti culturali diversi, come la moda, la psicanalisi, l'architettura, il design, la grafica.

Ore 15 Il modello del teatro e l'economia.
I principi estetici del teatro applicati alla cultura d'impresa.
Introduce Antonio Strati (Università di Berkeley)
Intervengono: Gilberto Gabrielli - presidente COFIRI; Anna Merlo - Università Bocconi; Terry Tyzac - vicepresidente Cohn & Wolfe. Fran¢ois Burkhardt, Università di Heidelberg, e Robert Wilson, regista, presentano alcuni video sui teatri e le arti.
Seconda tematica della giornata: la commistione fra modelli economici vigenti e modelli della tradizione culturale. In altre parole, il teatro è influenzato dall'economia e dai media, ma a sua volta può influenzare questi ultimi. Attualmente, nelle imprese, si parla di "intangible assets", un valore economico che non deriva da merci o servizi, ma dalle risorse umane e dall'organizzazione del loro lavoro. Gli specialisti attribuiscono queste "novità" all’ingresso di principi "estetici" e soprattutto teatrali nel mondo del lavoro.

Sabato 20.10
Ore 10 Educazione al teatro, verso nuovi pubblici.
Un vecchio e nuovo mezzo di formazione della personalità.
Apre la sessione Letizia Moratti (Ministro dell'Istruzione).
Introduce Daniel Arasse (École des Hautes Études, Parigi)
Intervengono: Milva Biolcati - attrice; Paolo Crepet - Università di Roma; Andrea Liberovici - compositore, regista; Giorgio Pressburger - Istituto Italiano di Cultura Budapest; Edoardo Sanguineti - scrittore; Luigi Squarzina - Università di Bologna. Paolo Vozzi (informatico), presenta un esperimento multimediale di karaoke teatrale.
Conclusioni
Carlo Repetti (direttore Teatro Stabile di Genova)

Nella terza e ultima giornata del convegno, si affronta il problema dell'avvicinamento di nuovi pubblici al teatro o alle sue strutture intellettuali. Nuovi pubblici in senso generale, ma anche letterale, pubblici giovanili. I giovani sono attualmente immersi nelle forme comunicative più aggiornate. È possibile, rendere i giovani compartecipi di una cultura più articolata e trovare formule che li avvicinino al teatro?

Ore 15 Presentazione del libro "Il Teatro di Genova. Una biografia" di Maurizio Giammusso

In alto il Palazzo della Borsa

Se vuoi avere più informazioni sui relatori clicca

Potrebbe interessarti anche: , Cosa sono e come funzionano i lettori Rfid per la rilevazione delle presenze , Arriva sul mercato il DJI Osmo mobile 3 , Pannelli solari: quanto costano e come installarli. Tutti i vantaggi dell'energia solare , Aumentare la visibilità della tua azienda con Google Mybusiness , Come trattare un narcisista e creare una relazione sana