Alla Tosse teatro anche a pranzo - Magazine

Teatro Magazine Martedì 2 ottobre 2001

Alla Tosse teatro anche a pranzo

Magazine - Più che di stagione si tratta di teatro per tutto l’anno e a tutte le ore.
Dentro e fuori del Teatro.
Ma andiamo con ordine. ”Prima di tutto le novità”. Lo spettacolo di apertura La Festa delle donne, di Aristofane, nella traduzione di Edoardo Sanguineti, per la regia di Tonino Conte. Una produzione che ha debuttato a Siracusa quest’estate e che fa da sipario ai percorsi della nuova, lunga stagione 2001-2002. Altra novità, due appuntamenti nella Chiesa di Sant’Agostino che, per il percorso Grandi Libri, offre la suggestiva scena per il periodo natalizio alla Sacra Rappresentazione ispirata al barocco di Calderon de la Barca e alla tradizione popolare italiana mentre, in primavera, apre lo spazio all’Inferno di Dante.
Per il teatro fuori dal teatro, quest’anno segna il ritorno del Teatro della Tosse al Forte Sperone, che sarà agibile dall’estate prossima per ospitare il Progetto Barbablù. Ovvero, come trasformare il castello in un contenitore di storie, tre per la precisione, per uno spettacolo che durerà 40 giorni.

La novità assoluta è un’impresa audace e molto anglosassone: il lunch-theatre. Una rassegna giornaliera di teatro, nella pausa pranzo – circa le 13.30 - che in dieci minuti, un quarto d’ora intende raccontare storie sempre diverse, a due personaggi, da cui il titolo

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin