Weekend Magazine Domenica 24 novembre 2002

Freeride in città

Tempo fa diversi miei amici, di solito strenui sostenitori della salita, boicottavano le uscite in città. In effetti, visto l'impegno ed il chilometraggio ridotto, non risultano molto simili ad una dignitosa escursione in Mountain Bike. Poi però, con l’affermarsi di un approccio più ludico alla bicicletta, siamo cresciuti di numero. L'idea ha avuto un certo seguito, testimoniato anche anche dalle mail che ho ricevuto qui in redazione.
D'altronde c’è poco tempo, le giornate nella cattiva stagione sono brevi, così spesso l’unico posto illuminato dove girare è la città. Visto che scorrazzare per le vie principali seguendo le regole del traffico non è un gran che, si scelgono percorsi alternativi e ci si muove liberamente. Per rendere il tutto più emozionante si aggiunge qualche rampa di scale, volendo anche in salita, salti, vicoletti da percorrere rapidamente. Si esce dopo cena, quindi, se si escludono i fine settimana, c’è poca gente in giro, niente traffico e niente vigili. Perfetto.

Genova è la città ideale, completamente irregolare, su più livelli, piena di passaggi complessi da provare. Le salite non sono mai troppo lunghe e sempre su fondo buono. L’allenamento non è certo il più estremo ma si pedala un po’ e soprattutto si affinano le abilità su un gran numero di ostacoli e manovre.
Spinti dall’entusiasmo si scoprono inoltre posti sconosciuti nei quali non si finirebbe mai in circostanze normali.

La bici più adatta potrebbe essere la cosiddetta bici da “street” o “urban assault” con forcella ammortizzata anteriore, telaio e ruote ben corazzati, gomme larghe. In tanti preferiscono una bi-ammortizzata da “freeride” non troppo pesante e dotata di generose escursioni, ma ci si diverte con tutto.
Ci sono anche i Trialisti o i , che invece viaggiano su bici piccole, rigide e manovrabili. Si sale e si scende sulle panchine, giù da muretti, su per gli scalini a saltelli e tante altre cose che io non so assolutamente fare.

Le protezioni sono molto importanti, casco, guanti e se volete andare sul sicuro anche le ginocchiere. D’inverno le potete mettere sotto calzoni larghi e confortevoli.

Per chi avesse voglia di provare l'appuntamento e' ogni martedi' sera di tempo decente alle 21,30 in Piazza della Vittoria, lato Brignole.

Per essere sicuri è meglio mandare una mail qui a me, oppure chiedere ad Andrea Balli del , sito di riferimento italiano per questo approccio alla mountain bike.

una lista dei punti migliori da esplorare...

Oggi al cinema

Comizi d'amore Di Pier Paolo Pasolini documentario Italia, 1964 Inchiesta su amore e sesso nell'Italia degli anni '60, composta da un prologo (P.P. Pasolini che discute con A. Moravia e C. Musatti), e quattro capitoli 1) Grande fritto misto all'italiana; 2) Schifo o pietà; 3) La vera Italia?; 4) Dal basso e... Guarda la scheda del film