Concerti Magazine Venerdì 1 giugno 2012

Madonna Tour 2012: il primo concerto a Tel Aviv

Magazine - Il nuovo tour mondiale della regina del pop parte dal Medio Oriente. Una contraddizione? Certo, stiamo parlando di Madonna.

Aspettando l’italico sbarco di Miss Ciccone che si esibirà il 12 giugno a Roma, il 14 a Milano e il 16 a Firenze, quello che invade lo stadio Ramat Gan di Tel Aviv è uno spettacolo abbagliante. La protagonista è lei, una cinquantaquattrenne tonica e platinata che corre, si dimena e canta sul palco vestita da cheerleader, come si conface ad una vera american girl. E non contano i figli, l'età, i mariti e i matrimoni alle spalle. Quando sale sul palco c'è solo lei, un vero animale da palcoscenico. Una divinità per i suoi fan. E lei lo sa, in bilico tra la filosofia orientale e Vecchio Testamento.

Ma coi pon-pon in mano si può anche fare politica, e lei lo fa. Inneggia alla pace in Medio Oriente, Inneggia alla fratellanza tra cristiani, mussulmani e gay. Poi rientra tra il corpo di ballo e si mette a cantare «Sono una pistola del sesso, il mio amore dovrebbe essere illegale». È Girl Gone Wild, il suo ultimo successo.
E allora il pubblico capisce che è davvero Madonna: un calderone di provocazione estrema a tutti i costi. Così il pubblico israeliano si scatena, come in trance. Mentre sul palco si susseguono successi vecchi e nuovi della cantante, tra attivismo e blasfemia. Croci, Sarah Palin, black block, pistole. C’è davvero di tutto in questa notte di fine primavera. Persino il figlio di Madonna, Rocco, promosso ballerino. C’è la Madonna di Mdna, ma c’è anche quella alle prese con una gravidanza di adolescente da spiegare ai genitori di Papa Don’t Preach e quella entrata nella storia col corsetto di Jean Paul Gautier di Vogue.

Sarà il tempo che passa e la storia che si allunga, saranno le polemiche da rotocalco rosa che la vedono in rotta con le nuove dive del pop, ma Madonna in questo tour non si risparmia. Tocca tutto e tutti in un'esibizione che sembra definitiva. Tanto è lei la diva camaleontica, rinnovarsi non è mai stato un problema. C’è da scommetterci da qui a Natale sarà un tutto esaurito in giro per il mondo. Eccessivo? Certo, non è mica Lady Gaga.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Il sale della terra Di Wim Wenders, Juliano Ribeiro Salgado Documentario Francia, 2014 Il film racconta l’universo poetico e creativo di un grande artista del nostro tempo, il fotografo Sebastião Salgado. Dopo aver testimoniato alcuni tra i fatti più sconvolgenti della nostra storia contemporanea, Salgado si lancia alla... Guarda la scheda del film