Concerti Magazine Sabato 18 febbraio 2012

Festival di Sanremo 2012: Casillo vince tra i giovani. Esclusi Matia Bazar e Chiara Civello

Altre foto

Magazine - Ore 00.44. 'E' il momento più triste', ammette Morandi: si parte con le due eliminazioni dei big. In finale, in rigoroso ordine sparso, Finardi, Carone e Dalla, Bersani, Nina Zilli, Renga, Arisa, Bertè-D'Alessio, Noemi, Dolcenera, Emma. Esclusi Matia Bazar e Chiara Civello.

Ore 00.35. Classifica provvisoria: primo Casillo, Iohosemprevoglia, Mou, Guazzone. Prima golden share: sale di una posizione Erica Mou. Secondo Jolly, Facebook: sale Alessandro Casillo, che vince la gara dei giovani. Sono perplesso. Non può ritirare il premio perché ha 15 anni. Sono doppiamente perplesso. Premio Mia Martini a Erica Mou: triplamente perplesso. Non premiano nessuno, tutte le premiazioni sono rimandate a domani. Che tristezza.
La vittoria del ragazzino col frangione, con canzone anodina e voce traballante, segna il definitivo passaggio dell'ottica talent show. Non che Sanremo fosse un sacrario immacolato, ma vedere premiato (anzi, immaginato, giacché il teenager è giovane e dopo le 23.00 deve andare a nanna) un Justin Bieber in salsa italiana, non fa sperare affatto bene per la finale di sabato sera. Vuoi vedere che dopo Scanu, i ragazzi di Amici con Emma fanno il bis?

Ore 00.27. Stop al televoto, largo a Rocco Papaleo, che finalmente tira fuori la battuta sul suo omonimo Siffredi. Si sorride. Poi racconta un aneddoto: la sua pipì in compagnia di Morandi. Gianni: 'Non mi sembra un gran racconto'. Ricordiamo Federico Moccia tra gli autori.

Ore 00.16. Momento Ballando con le stelle con Anna Tatangelo, Bobo Vieri e Marco Delvecchio. Morandi: 'Cosa vi ha portati a Ballando con le stelle? Marco, tu facevi il calciatore. Christian, tu facevi il calciatore. Tu Anna, facevi un altro mestiere.' Poi il Gianni viene salvato da Paolo Belli e Milly Carlucci. Sullo spottone, passo.

Ore 00.06. Tocca a Erica Mou, l'ultima proposta giovane. La danno per favorita, ma a me non ha mica convinto.

Ore 00.00. Il ragazzo delle paillettes, Marco Guazzone: è l'unico giovane che ha il coraggio di proporre qualcosa di originale. Bravo!

Ore 23.49. Avanti con gli Iohosemprevoglia. Iopensochelacanzone non sia da buttar via, magari in bocca a Jovanotti. Che, onestamente, ha portato al successo canzoni dal testo ancora più sbilenco. Però i riffettini pentatonici di chitarra basta, ragazzi!

Ore 23.41. Si parte con la gara dei giovani. Morandi spiega i meccanismi di voto: un barocco meccanismo di televoto, golden share dell'orchestra e soppesature via Facebook. Dopo la supercazzola mi sono perso. Non son mai stato bravo in matematica: mi fido, vincerà il migliore. Il primo in gara è il quindicenne Alessandro Casillo.

Ore 23.34. Momento boyband con i One Direction. Mi concentro per capire cosa piace ai ggiovani. Mai canzone degli Afterhours fu scomodata più a proposito (Sui giovani).

Ore 23.27. Rocco Papaleo e l'apologia della musica: finalmente strappa un sincero bravo!.

Ore 23.16. Francesco Renga fa le cose in grande con il coro Scala e kolacny brothers. Renga fa meno Renga del solito. Suggestivo.

Ore 23.06. I Matia Bazar si portano sul palco Mauro Coluzzi, Platinette, che conclude nel modo migliore, scimmiottando Morandi e i Soliti idioti 'Io amo gli etero'. Grande stoccata. Morandi balbetta una risposta imbarazzata: 'e che devo dire: anch'io amo gli omosessuali'.

Ore 22.56. Si riparte da Emma e Alessandra Amoroso. Contando anche Pierdavide Carone, manca solo Maria De Filippi. E' la canzone favorita dai pronostici: spero si sbaglino anche quest'anno. Pubblicità.

Ore 22.34. Quanti applausi per Alessandro Siani. O' scugnizzo tira fuori con Ivanka qualche battuta in voga con i pullman di ragazze svedesi in riviera negli anni Sessanta. Lo dico da ponentino: dalle nostre parti, non se ne vedono da almeno trent'anni. (venti minuti di monologo) Mi risveglio sul messaggio sociale 'Siamo un popolo, siamo italiani'. Interviene Morandi: e andiamo avanti con 'sta gara, va.

Ore 22.27. Arisa sul palcoscenico col polistrumentista Mauro Pagani, stasera in versione violinista, e Mauro Ermanno Giovanardi. Stile a palate per uno dei pezzi che arriverà in altissimo, almeno in classifica.

Ore 22.20. Nina Zilli divide il palcoscenico con Giuliano Palma e Fabrizio Bosso. Un riarrangiamento di gran classe.

Ore 22.13. Eugenio Finardi e Peppe Servillo degli Avion Travel. Versione sognante, con robusto innesto di archi dei ragazzi del Progetto Integrazione del Conservatorio di Milano. Un progetto che meriterebbe uno spazio enorme: ci torneremo.

Ore 22.06. Morandi e Papaleo continuano a essere tecnici. Poi rispunta la foca (da mimare come un pinguino): credo che anche il Wwf potrebbe rivedere le sue posizioni.

Ore 22.00. Samuele Bersani, salvaci tu! Con Paolo Rossi, finalmente sul palcoscenico dell'Ariston è salito un comico, anche se non fa nulla. Ma il pallone di Bersani è Paolo Rossi?

Ore 21.44. Largo all'ospite, Sabrina Ferilli, che duetta un po' con Morandi. Un altro dimenticabile momento di televisione. Temo un Bellucci bis. A 'sto giro Gianni non sbava quasi, meno male. Poi Sabbrì sdogana la parola tette: Morandi paonazzo. Tutto il resto è noia, compreso Papaleo che entra in stile new orleans con paglietta e trombone. Nuovo duetto Morandi - Ferilli. L'imperscrutabile mistero del perché a Sanremo canta chi cantante non è.

Ore 21.37. Chiara Civello finalmente torna a cantare come sa fare, jazzandosela in solitaria al piano. Duetto milonguero con Francesca Michielin.Vai di promo.

Ore 21.28. Dj Fargetta in terzetto con Gigi D'Alessio e Loredana Bertè. In versione disco Respirare funziona per i primi quaranta secondi. Divertente. Soprattutto perché Giggi sembra Max Pezzali magro. Musicalmente, è la prova che la tunza può rovinare qualunque canzone.

Ore 21.17. Gag in chiave psicanalitica di Morandi e Papaleo. Fingono di guidare un'auto a occhi chiusi, lavorando di fantasia. Lo faccio anch'io, ma rischio di svegliarmi alla conferenza stampa di domenica. Poi entra Ivanka e ci rallegra di aver firmato il primo autografo a Sanremo. Morandi: 'chi te l'ha chiesto?' Già, chi? Nel dubbio, pubblicità.

Ore 21.12. Morandi ci ricorda il funzionamento del televoto, ricordandoci che i One Direction arriveranno più tardi: sono 'boyband amata dai ragazzini'. Speriamo reggano alla serata. Nel frattempo Dolcenera si porta dietro Max Gazzè. Sul quale non scriverò mai una riga cattiva, anche se lasciando il basso a casa mi ha giocato un brutto brutto tiro. Perché Max, perché?

Ore 21.07. Pierdavide Carone e Lucio Dalla si portano dietro Gianluca Grignani, che riesce a evidenziare tutte le asprezze di un brano apparentemente semplicsissimo. Il Lucio tampona. Poi impasto più grintoso in buca. Preferivo l'arrangiamento originale. Comunque resta una delle canzoni papabili.

Ore 21.01. Via alla gara con Noemi, accompagnata per l'occasione al pianoforte da Gaetano Curreri. Sono solo parole è uno di quei pezzi che possono piazzarsi molto in alto. Lo scriviamo dal primo ascolto. Anche se la gara in acuto tra Curreri e Noemi un po' impreziosce, un po' toglie. Ma la struttura del brano regge.

Ore 20.55. Speriamo di non raggiungere le dimensioni wagneriane della serata di ieri: 5 ore di spettacolo, posso reggerle solo a Bayreuth. E quando Papaleo torna col turnaround della Foca, i pochi dubbi scemano del tutto. Ma poi perché la foca, se mima un pinguino? Poi la nuova, esilarante gag: 'alza lo share abbassa lo spread'. Speriamo si vada dritti con le canzoni, che alcune son pure belle.

Ore 20.51. Gianni ci ricorda i picchi di ascolto della serata dei duetti: il massimo è stato raggiunto tra Patti Smith e La foca di Papaleo. Un risultato che si presta a indagini sociologiche piuttosto articolate. Meglio pensare al televoto: da stasera anche il pubblico da casa dirà la sua sulla classifica finale dei big in gara. Morandi spazia di gobbo, e il ritmo si affossa. Ma tanto per trasparenza c'è dovuto.

Ore 20.44. La postar del violino, David Garrett, introduce la quarta serata del Festival sulle note apocalittiche di Smells like teen spirit dei Nirvana. Su un blocco contrapposto, la coreografia di Daniel Ezralow con protagonista la danzatrice Simona Atzori. L'artista, che 'ha dimenticato le braccia in cielo', spiega come 'afferma il suo amore per la vita attraverso la danza'. Finalmente, sul palcoscenico dell'Ariston, una donna di talento non ridotta a soprammobile. Poi, il violinista tedesco si congeda con un frammento virtuosistico di Rimsky-Korsakov, il celeberrimo Volo del calabrone. Un po' fine a se stesso, ma vabbè.

Ore 20.15. Tutto pronto per la quarta serata del Festival di Sanremo 2012: la serata dei duetti, dopo la parata di star internazionali viste giovedì. Nella conferenza stampa del pomeriggio, confermata la presenza di Adriano Celentano per la serata di sabato. Ospiti stasera saranno invece la danzatrice Atzori, Sabrina Ferilli e la boyband One Direction.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Fotogallery

Oggi al cinema

Quasi nemici L'importante è avere ragione Di Yvan Attal Drammatico, Commedia Francia, 2017 Neïla Salah è cresciuta a Créteil, nella multietnica banlieu parigina, e sogna di diventare avvocato. Iscrittasi alla prestigiosa università di Panthéon-Assas a Parigi, sin dal primo giorno si scontra con Pierre Mazard, professore celebre per i suoi... Guarda la scheda del film