Weekend Magazine Mercoledì 4 luglio 2001

Terme di Pigna

Magazine - Un tempo questa zona era chiamata lacum putridum. Era circa 800 anni fa e si faceva riferimento ad un tratto del fiume Nervia che costituiva, allargandosi, un piccolo lago sotto l’abitato. Nonostante il nome, il suo aspetto non doveva essere tanto infame, visto che, negli anni a seguire, i monaci Benedettini vi eressero una chiesa, a due passi della quale si facevano abluzioni nelle acque sulfuree incanalate.

Oggi questa tradizione continua, anche se Pigna non è nota solamente per le terme. E' soprattutto un magnifico borgo medioevale nella Val Nervia, nell’entroterra di Ponente, comune di Imperia. Purtroppo non è facilmente raggiungibile: da Genova ci vogliono circa due ore e mezzo di auto (uscita Ventimiglia e poi su nell’entroterra per circa 20 km).

Oggi le antiche terme sono nuovamente operanti con i comfort di un moderno centro termale. Si tratta dell’Hotel, Antiche Terme di Pigna, www.termedipigna.it , albergo a quattro stelle con quasi cento camere.
Dalle semplici vasche dei monaci si è passati ad una struttura che propone un’offerta estremamente vasta: bagni sulfurei, idromassaggi, fanghi, inalazioni, nebulizzazioni e molto altro.
I “pacchetti” sono forse la cosa più interessante. Un esempio può essere quello dedicato al trattamento anti-stress che prevede massaggi, Shatsu, fanghi, ginnastica blanda e passeggiate, sempre seguiti da un terapista (per i prezzi e le offerte fate riferimento al link sopra). Se non siete stressati potete dedicarvi unicamente all’estetica con i "pacchetti bellezza". Ne trovate un po’ per tutte le esigenze e molti comprendono anche attività meno affascinanti ed esotiche come la depilazione o la pedicure. Non manca l’offerta dimagrante/anticellulite con massaggi in quantità.
Infine per chi non volesse fermarsi in albergo ci sono alcuni servizi giornalieri che vanno dal bagno turco alle sedute estetiche più brevi.

Oggi al cinema

Sulle sue spalle Di Alexandria Bombach Documentario 2018 Nadia Murad, Premio Nobel 2018 per la Pace, è una sopravvissuta: aveva appena 20 anni la notte del 3 agosto 2014, quando l'Isis attaccò Sinjar, la sua città natale, e sterminò la sua famiglia insieme a gran parte della popolazione... Guarda la scheda del film