Sei Personaggi.com - Magazine

Teatro Magazine Teatro della Corte Giovedì 7 giugno 2001

Sei Personaggi.com

Sei personaggi.com - Un travestimento pirandelliano
adattamento Edoardo Sanguineti
regia e suono Andrea Liberovici
interpreti Eugenio Allegri
Aleksandar Cvjektovic, Ottavia Fusco, Rachele Ghersi, Fabrizio Matteini
voci Mariangela Melato, Omero antonutti, Massimo Popolizio, Francesca Rota
scene e costumi Filippo Garrone


“Non c’è nulla di più divertente del perturbante, non c’è niente di più perturbante del divertente. È questa la morale della favola. Ci vediamo alla prima.”

Questo l'augurio di Edoardo Sanguineti, autore di Sei Personaggi.com - travestimento da Pirandello per la regia di Andrea Liberovici. Si tratta dell'integrale riscrittura di un classico del teatro del '900, nella prospettiva di un labirintico gioco di rispecchiamenti e di citazioni, pensati in funzione della regia di Liberovici, tesa alla definizione di un allestimento in cui la parola e il suono convivano e si confrontino con eguale dignità espressiva.

“L’idea di riprendere in qualche modo Sei personaggi in cerca d’autore di Pirandello è di Liberovici” spiega Sanguineti, e prosegue “un minimo di esitazione devo ammettere l’ho avuta. Nell’Olimpo dei miei autori, infatti, Pirandello non occupa un posto privilegiato, anzi.”

“C’è stata una lunga gestazione per questo lavoro” afferma, per parte sua, il regista Liberovici, “lunghe chiacchierate con il Prof. Buonaccorsi, che mi consigliava materiali, mentre dall’altra parte le consuete telefonate a Edoardo per sapere a che punto si trovava il testo, la cui risposta ricorrente era “il mio inconscio sta lavorando”. E infatti è un testo pieno di inconscio, in cui emergono espressioni anche violente indirizzate al pubblico”.

Sanguineti spera "che questo testo sia profondamente scandaloso. Mi auguro che sia perturbante nel senso freudiano della parola unheimlich”.

Un progetto nuovo, dunque, nella forma, nel testo e nello spazio che occuperà (il Piccolo Teatro della Corte). “Del testo pirandelliano non rimane più, quasi nessuna battuta”, afferma con tranquillità e sicurezza Sanguineti e continua “quelle che restano sono state richieste da Liberovici e nell’insieme convincono anche me. Il nostro lavoro serve più per misurare la distanza dall’originale, che per attivare meccanismi di riconoscimento. Il procedimento di attualizzazione è molto forte, spinto al punto di includere costumi, mode, e persino notizie di cronaca che appartengono al nostro tempo. È una lettura di certi modi dell’esistenza del ‘900.”

“Il testo è ricco di canzoni” dice Liberovici e sottolinea “gli attori recitano, cantano e ballano. La platea, la graticcia e la scena saranno piene di diffusori acustici, grazie all’aiuto di un’impresa francese, che da anni lavora verso quello che oltralpe viene definito il cinema con le orecchie. Ho un cast di attori straordinario che lavora con professionalità ed entusiasmo, che si completa con "suggestioni virtuali" derivanti dalle voci registrate di Mariangela Melato, Omero Antonutti, Massimo Popolizio."

Lo spettacolo sarà trasmesso in differita in streaming audio-video su Tiscaliart nell’area del sito chiamata “Collection”. Per seguire la messa in scena via Internet basterà collegarsi a www.tiscaliart.it e seguire il link presente in homepage.
Il software necessario per visualizzare le immagini sul PC è Windows Media Player 7.1.

Per tutte le repliche dello spettacolo è in vigore il Posto Unico numerato a L. 30.000, riduzione del 30% agli abbonati a posto fisso. Sono validi gli abbonamenti liberi e giovani, nonché le consuete agevolazioni per studenti e gruppi organizzati in accordo con l'Ufficio Relazioni Esterne.

Dopo la prima: Leggi l'articolo

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin