Magazine Giovedì 21 giugno 2001

Genova, bella da star male

Magazine - Per parlare di Stendhal, autore di romanzi come La Certosa di Parma e Il rosso e il nero, e del suo rapporto con l’Italia basterebbe una citazione lapidaria.

“Errico Beyle, milanese, visse, scrisse, amò”.

È quanto volle fosse scritto sulla sua tomba a Montmartre. Se è vero che il suo nome era effettivamente Henry Beyle e che sicuramente visse, scrisse e amò, è chiaramente un falso la pretesa origine milanese, visto che lo scrittore nacque a Grenoble nel 1783.

Ma a 17 anni era già a Milano al seguito di Napoleone “in una bella mattina di primavera, e che primavera! e in che paese del mondo! … fu il periodo più bello della mia vita”. Si può capire, fin da queste poche righe, quindi, che quello di Stendhal non fu il classico Viaggio in Italia del rampollo aristocratico-borghese nella culla della civiltà artistica europea.

Eppure questo esile soldatino seppe fare dell’Italia la sua patria d’adozione e, meglio di chiunque altro, seppe capirne le peculiarità culturali nel corso dei suoi numerosi e duraturi soggiorni.

Amò soprattutto Napoli (e in gran parte al suo rapporto con questa città è dedicato lo spazio che lo riguarda nella mostra di Palazzo Ducale), Roma, Firenze (dove fu preso da quel senso di angoscia e oppressione psicologica di fronte alle opere d’arte che ha preso appunto il nome di “sindrome di Stendhal”). In Italia ambientò i suoi capolavori, degli italiani seppe cogliere le sfaccettature caratteriali.

Tutto questo emerge dalla visita alla mostra. Quello che, paradossalmente, non è messo in evidenza, è l’amore che lo scrittore provò per Genova.

Per capire quanto la città gli era entrata nel cuore basta leggere che via “Balbi, via Nuova e Nuovissima, è una delle più belle strade del mondo” (vedi Leggi l'articolo ) o che “la casa dove lo straniero in Italia riceve migliore accoglienza è quella del Marchese Dinegro di Genova” (vedi anche Leggi l'articolo ). E ancora, a proposito di Leggi l'articolo : “un capolavoro di gravità e nobiltà in confronto a Notre Dame de Lorette […]. Per l’Italia non è una gran bella chiesa, ma è costruita in una posizione stupenda […]. Sono salito sulla cupola: è un dovere del viaggiatore”. All’interno, nella navata ammira il San Sebastiano di Puget (vedi Leggi l'articolo ): “è sempre lo stile semplice, vigoroso, per nulla imitato dell’antico che a Marsiglia mi faceva guardare con tanto piacere il bassorilievo della peste”.

Che dire poi dei palazzi di Genova? Palazzo Balbi Senarega e Palazzo dell’Università, Palazzo Pallavicini, Leggi l'articolo ma soprattutto la Leggi l'articolo . Qui Stendhal è affascinato dagli affreschi e dall’arredo delle sale, dalle maioliche, dagli arazzi, dalle tele e dalle sculture. La sua attenzione è catturata da “un bellissimo busto del Vitellio” (che oggi si trova presso l’Accademia Ligustica di Belle Arti). “Conosco sì e no quattro busto paragonabili a questo […] il giovane Augusto che viene tanto ammirato a Roma mi pare invece ben inferiore”: chissà che lo scrittore, di fronte a tanta bellezza, non si sia sentito un po’ male anche dentro la Galleria di Palazzo Reale.

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Animali fantastici e dove trovarli Di David Yates Fantastico U.S.A., Regno Unito, Palestina, 2016 1926. Newt Scamander ha appena terminato un viaggio in giro per il mondo per cercare e documentare una straordinaria gamma di creature magiche. Arrivato a New York per una breve pausa, pensa che tutto stia andando per il verso giusto…se non fosse... Guarda la scheda del film