Magazine Martedì 26 luglio 2011

«Ho perso mio padre e il mio fidanzato. Sto male, cosa faccio?»

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Buongiorno dottore,
sono una ragazza di venticinque anni che le scrive per raccontarle in breve la mia situazione.
Ho perso mio padre l'anno scorso e poi il mio decennale fidanzato di trentasette anni a dicembre che ha annullato il nostro matrimonio quattro giorni prima dell'evento. Sono passati sei mesi e lui si è preso un periodo di pausa per riflettere: vuole che i miei occhi tornino a ridere e non vuole vedere più lacrime e crisi di nervi.
Io no so cosa fare: sto male senza lui e vorrei che chiamasse, ma non lo fa ancora.
Cosa posso fare?
La ringrazio qualora voglia rispondermi.
G.

Buongiorno G.,
intanto mi spiace per la perdita di suo padre e sull'onda di questo sentimento mi verrebbe da dire che è davvero un ulteriore brutto colpo vedere il proprio fidanzato che annulla il matrimonio a quattro giorni dal rito. Sì, certo, ma a questo punto mi sono fermato un attimo e mi è venuto da pensare: e se avesse ragione lui?

E così mi è venuto da pensare che se ha un senso piangere per la morte del proprio padre ha anche un senso smettere di vivere nel ricordo del passato. E allora ci sarebbe da rivedere il giudizio sul comportamento del suo fidanzato perché se lei non è già felice prima di sposarsi, se i suoi occhi non ridono all'idea di creare la sua famiglia con il suo amato compagno e se lei non si sente pronta e serena nell'affrontare questo futuro, allora che senso ha sposarsi?

Allora, forse, questo lui ha soltanto preso su di sè la responsabilità di una scelta che, invece, avrebbe dovuto fare lei.
Se davvero è ancora così provata dalla morte di suo padre e se davvero i suoi pensieri, le sue reazioni e il suo umore sono ancora così tanto ancorati al passato, allora è proprio lei che dovrebbe chiedere una pausa di riflessione e di utilizzarla per capire cosa significa questo sentimento che la inchioda al passato e per ritrovare il suo equilibrio prima di sposarsi.

Spero che lei ci pensi su e trovi la forza per trovare una risposta che le permetta di vivere, bene, il suo futuro.
Saluti,
Ventura

* Psicologo e psicoterapeuta. Chi vuole consultare Marco Ventura direttamente può chiamare il numero 010 562769 o recarsi presso il suo Studio di via Macaggi 25/11, Genova.
di Marco Ventura*

Potrebbe interessarti anche: , Una donna ossessionata dal pensiero di essere lesbica chiede aiuto: il consiglio dello psicologo , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria

Oggi al cinema

Frida Di Julie Taymor Drammatico Usa, 2002 Dalla sua complicata e duratura relazione con il suo mentore e marito, Diego Rivera, ai suoi illeciti e controversi rapporti con Leon Trotsky, fino alla sua complicata e romantica storia con una donna... Frida Kahlo ha vissuto una vita voraggiosa e inflessibile... Guarda la scheda del film