Concerti Magazine Lunedì 18 giugno 2001

Deep Forest a Tahiti

Magazine - Ancora una volta i Deep Forest sono riusciti a stupirci producendo un disco notevole: Pacifique.
Le loro melodie infatti ,che partono dalla riscoperta della musica folk di varie parti del mondo per spaziare poi nel campo della world music e della fusion, ci portano magicamente a visitare con l’immaginario luoghi ancestrali ed incontaminati.
Rimane quindi ancora fertile e valida dopo 10 anni l’idea di Moquet e Sanchez – il duo ideatore e fondatore dei Deep Forest – di andare a riscoprire antichi canti, suoni e melodie di luoghi reconditi del mondo (dall’Africa, all’Asia passando per le Americhe) per cercare di valorizzarli e riproporli ad una fascia di pubblico più allargata.
La loro sperimentazione musicale , talvolta ammiccante anche alla new age, ha avuto sempre esiti di grande qualità ed interesse soprattutto per le contaminazioni che si sono venute a creare fra vari generi musicali, per sfociare in un tipo di musica e di armonia del tutto originale.
L’ascolto di Pacifique è pertanto un passaggio obbligato per tutti quegli amanti della musica che desiderano scoprire nuovi orizzonti e prospettive che non siano meramente fini a se stessi come purtroppo tante volte la musica di ricerca e sperimentazione può essere.

Marco Fossi

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Chasing Ice Di Jeff Orlowski Documentario USA, Bolivia, Canada, Francia, Islanda, Italia, 2012 Nella primavera del 2005, il celebre fotografo James Balog si diresse verso l'Artico per portare a termine un incarico commissionatogli dal National Geographic: catturare immagini che potessero aiutare a capire meglio il cambiamento climatico della Terra.... Guarda la scheda del film