Concerti Magazine Martedì 28 giugno 2011

Vasco Rossi si dimette da rockstar. E la rete si fa beffe di lui

Magazine - Stizziti, ironici, malinconici, lacrimevoli. Ma soprattutto, divertenti. Gli aggettivi per descrivere i commenti piovuti in rete dopo la dichiarazione di dimissioni da rockstar di Vasco Rossi sono moltissimi e sintomatici di stati d'animo spesso opposti.
Si va dalla disperazione dei fan sulla pagina ufficiale alle battute ironiche che circolano su pagine alternative del social network, dove in alcuni casi Vasco non può dimettersi da rockstar non essendola mai stata.

Altri obiettano che star anglosassoni come Mick Jagger, Keith Richards, Bob Dylan e Bruce Springsteen calcano ancora le scene con energia a sessant'anni suonati, alcuni oltre i settanta.
È proprio questo lo spirito che anima l'ironico gruppo nato su Facebook, Anziani che si dimettono da professioni che non hanno mai esercitato, introdotto da una foto da vero pensionato del rocker di Zocca con panza al vento e braghe cascanti, la stessa che abbiamo messo in apertura dell'articolo.
Novemila fan in 24 ore per un gruppo che enfatizza quello che lo stesso Vasco aveva mostrato di sè nel videoclip di Eh...già, quando mostrandosi con un fisico cascante non nascondeva per nulla l'inclemente passare degli anni.

Nel gruppo l'epiteto più gentile con cui viene definito il Blasco è Fiasco Rossi: chissà che avrà da dire Vasco dopo che aveva definito incomprensibile la cattiveria del web nei suoi confronti, espressa in sberleffi e insulti su youtube dopo che era stato postato un video con un suo scivolone durante un concerto.

E intanto sul web impazza il caustico commento di Pino Scotto: senza peli sulla lingua, come nel suo stile (guarda il video a fondo pagina).

Anche la bacheca di mentelocale.it si è riempita di commenti dopo l'addio ai concerti di Vasco Rossi. Una linea sembra dominare, quella più realista: il Blasco dal vivo emoziona sempre, però pare non farcela più a reggere la scena di megaconcerti monstre.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Il segreto del suo volto Di Christian Petzold Drammatico Germania, 2014 Giugno 1945. Sopravvissuta al campo di sterminio di Auschwitz, Nelly torna a Berlino, dov’è nata, gravemente ferita e col volto sfigurato. Ad accompagnarla c’è Lene, impiegata dell’Agenzia ebraica e amica di Nelly da prima... Guarda la scheda del film