Magazine Sabato 18 giugno 2011

«L'ho lasciata ma voglio che torni da me. Come faccio?»

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Lascio la mia ragazza perché molte volte era insopportabile: urlava, era aggressiva e a un certo punto non ce l'ho più fatta. Per me ogni volta era un trauma e glielo dicevo: lei si scusava però io non ero sereno così l'ho lasciata al telefono dicendole che con quel modo di fare mi ero stufato di lei.

Ha iniziato a insultarmi augurandomi tutto il male possibile, mi ha detto che sono un ingrato e che dopo una settimana sarei stato sicuramente con qualche altra donna e che lei sarebbe stata sempre nei miei pensieri. Dopo due giorni le mando un messaggio per dirle che la penso spesso ma che se non si da una calmata io non sarei più tornato.
Non mi ha risposto.

Passa un altro mese, le mando un altro messaggio, la chiamo e non risponde.
Perchè secondo lei fa così? Tornerà da me?
Più di così non so cosa fare.



Mi scusi ma mi sfugge il senso della sua mail e mi chiedo se, per caso, non sia sfuggito anche a lei il significato di quello che sta vivendo.
Così, prima di risponderle, vorrei rivedere, con lei, alcun punti della sua storia o almeno di come lei la riassume. Giusto per essere sicuro di aver capito bene come stanno le cose.

Dunque: è lei a lasciare la sua fidanzata e poi si chiede se la sua ragazza tornerà? Ma, scusi, a rigor di logica, non è la sua fidanzata che deve tornare, ma, se mai, è lei stesso che dovrebbe ritornare sulle sue decisioni.
Ma questo non vorrebbe dire che lasciarla era inopportuno? E a questo punto sorge la seconda domanda: perche dopo averla lasciata, lei sembra voler tornare con la sua fidanzata?

Mi viene da pensare che sia per via di motivi che hanno una loro importanza ma che lei non cita. E conoscere questi motivi sarebbe importante dal momento che lei ha descritto un rapporto così poco sereno che non viene da rimpiangerne la mancanza!
Infatti mi sembra di capire che lei non sopporta più la sua ragazza a causa del suo caratteraccio e delle sue modalita di relazione eccessivamente aggressive e immotivate.

Ottimi motivi per lasciarsi, ma quali motivi ci sono per rimettersi assieme?
Non si aspetterà davvero che lasciarla per due giorni e poi ricercarla sia il modo giusto per farla cambiare vero? E sopratutto se davvero questa ragazza ha un modo di fare così aggressivo, sgarbato e traumatico è proprio sicuro di non poter aspirare a una alternativa diversa?

Mentre lei riflette su questi chiarimenti userò la sua storia come occasione per parlare di un problema che si sta diffondendo: il caratteraccio delle persone.
Anzi, prima di parlarne vorrei chiedere se ci sono altre persone che hanno compagni o compagne eccessivamente sgarbate e aggressive, come se lo spiegano e come riescono a gestire un rapporto di questo tipo.
Saluti, Ventura

* Psicologo e psicoterapeuta. Chi vuole consultare Marco Ventura direttamente può chiamare il numero 010 562769 o recarsi presso il suo Studio di via Macaggi 25/11, Genova.
di Marco Ventura*

Potrebbe interessarti anche: , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria

Oggi al cinema

Un affare di donne Di Claude Chabrol Drammatico Francia, 1988 Guarda la scheda del film