Concerti Magazine Lunedì 16 maggio 2011

Raphael Gualazzi secondo all'Eurovision: vince l'Azerbaigian

Magazine - Un risultato inaspettato quello ottenuto da Raphael Gualazzi. Il giovane cantante italiano di musica jazz è arrivato secondo all'Eurovision Song Contest, kermesse canora che si è svolta a Düsseldorf, il 10, 12 e 14 maggio 2011.
Dopo la soddisfazione di vincere Sanremo nella categoria giovani, Rapheal ha proposto una versione un po' inglese e un po' italiana della sua Follia d'amore, per l'occasione trasformata in Madness of love.

Il successo è arrivato inaspettato perché la posizione di Gualazzi all'inizio non era delle migliori, senza contare che il Paese che rappresenta il cantante nel contest, in questo caso l'Italia, non può votare per la propria nazione. Sono stati soprattutto i voti di Malta, San Marino e Lettonia a consegnare la medaglia d'argento al cantante di Urbino.

Il totale di 189 voti non è bastato a battere l'Azerbaigian, con il duo Ell e Nikki e la loro canzone Running Scared, che hanno portato a casa ben 221 voti. Dietro Gualazzi una delle nazioni favorite, la Svezia, con 185 punti per il cantante Eric Saade e la sua Popular. Proprio l'ex repubblica sovietica del Mar Caspio dei due vincitori ospiterà nella città di Baku la prossima edizione della kermesse.

Si può dire che per Gualazzi sia una doppia vittoria visto che si è trovato in classifica fra due canzoni molto pop mentre la sua propone sonorità di altro genere. Insolita quindi la vittoria di una canzone jazz in un panorama di pop puro come quello dell'Eurofestival Song Contest, spesso accusato dai veri intenditori di musica di essere uno degli esempi del trash musicale europeo.
Al ritiro del premio un emozionato Raphael Gualazzi commenta: «Sono molto contento di questo risultato, è un grande onore sapere che la mia musica contribuisce a restituire al jazz la popolarità di un tempo».

Dopo 13 anni d'assenza torna l'Italia in gara e si piazza sul podio. Anche Caterina Caselli, che ha lanciato l'artista jazz italiano, ha commentato positivamente la seconda posizione, visto che il programma è stato visto da 120 milioni di persone, con un grande ritorno di visibilità in mercati europei come Francia, Inghilterra, Olanda, solitamente difficili da raggiungere per il mercato discografico nostrano.

Per quanto riguarda la diretta italiana del programma invece, andato in onda sabato 14 maggio su Rai Due e condotto da Bob Sinclair e Raffaella Carrà, non si può certo dire che sia stato un successo: è stato seguito solo da 1.291.000 spettatori per il 6.43% di share.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Il testimone invisibile Di Stefano Mordini Thriller 2018 Adriano Doria è "l'imprenditore dell'anno" nella nuova Milano da bere. Guida una BMW, porta al polso un Rolex vistoso, ha una moglie e una figlia adorabili e un'amante bella come Miss Italia. Ma ora si trova agli arresti domiciliari, accusato di... Guarda la scheda del film