Magazine Sabato 9 giugno 2001

Intervista a Charles Simic

Il potere di internet.
Ore 10.53 scrivo un messaggio via email al poeta americano Charles Simic – vincitore del Pulitzer nel 1990 per la sua raccolta di poemetti in prosa The world doesn’t end (Il mondo non finisce – nelle librerie italiane a giugno 2001) – alle ore 12.32, trovo il suo laconico messaggio “Here it is. Best, Simic” (Ecco. Saluti, Simic), a cui seguono, ordinate numericamente, le sue risposte alle mie domande.
Gentile.
L’intervista è fatta!
E allora non posso fare a meno di pensare a quanto bisogna rincorrere certi italiani.


Per chi non lo conoscesse, Simic è originario di Belgrado (1938), ma risiede negli Stati Uniti dal 1954, dove è emigrato con i genitori alla fine della Seconda Guerra Mondiale.
Scrittore eclettico e Professore di Letteratura Inglese all’Università del New Hampshire, Simic è autore di oltre sessanta pubblicazioni tra cui raccolte di poesia, prose, traduzioni (dal francese, serbo, croato, macedone e sloveno), saggi critici, antologie di poeti internazionali e statunitensi. Per la sua produzione poetica e le sue traduzioni, Simic ha ricevuto prestigiosi premi e riconoscimenti, tra cui quelli della American Academy of Arts and Letters e della Poetry Society of America, l’Edgar Allan Poe Award, il Premio P.E.N. per la traduzione e il Pulitzer. É inoltre vincitore della Scholarship della Guggenheim Foundation e di una Fellowship della MacArthur Foundation.


In che direzione sta andando la poesia americana?
Nessuno lo sa, ovviamente. Gli Stati Uniti sono un paese vasto, il che significa che si scrive e si pubblica molta poesia e che non è più possibile darne una semplice caratterizzazione.

Chi sono i suoi maestri? In Europa? Nel resto del mondo?
Si tratta di una lunga lista. Parte da Ovidio e include Villon, Baudelaire, Leopardi e molti altri.

Scriverà qualcosa sull’incontro dei G8 del 2001 che si tiene a Genova? Se non lo fa, in qualità di poeta cosa pensa della globalizzazione e della protesta del popolo di Seattle?
Non era nei miei programmi. La globalizzazione sta molto a cuore ai nostri capitalisti, perché metterebbe i lavoratori americani in competizione con quelli dell’Uganda e di Singapore, in altri termini gli farebbe perdere il posto o significherebbe un taglio dei loro stipendi. Penso che il popolo di Seattle avesse tutte le ragioni per protestare.

Sta lavorando a un nuovo libro o ad una nuova raccolta di poesie?
Uscirà una mia pubblicazione di poemi ad agosto, dal titolo Night Picnic

Quali progetti per il futuro?
Stare a casa e scrivere

É la prima volta che viene in Italia? A Genova? Se no, pensa di trovarla molto cambiata?
No, sono stato in Italia molte volte e questa è la mia quarta visita a Genova. É una città che mi piace molto e non penso di trovarla molto diversa dalla scorsa estate.

Se dovesse scegliere il suo poeta italiano preferito pescherebbe un nome dal passato o ne selezionerebbe uno dalla scena poetica contemporanea?
L’Italia ha avuto molti grandi poeti, personalmente adoro Campana, Montale e Pavese. Tra i contemporanei, ne apprezzo qualcuno, ma non riesco a parlarne con la stessa sicurezza.

Qual è il poeta americano che più ammira? E perché?
Emily Dickinson e Wallace Stevens non perché siano stati particolarmente originali come poeti, ma perché prevedono anche una profondità filosofica.

(La presente intervista, originariamente in inglese, è da me tradotta).

Tra i suoi lavori si ricordano What the grass say, Jackstraws che fu nominato Notable Book of the Year dal New York Times, e ancora Walking the black cat, A wedding in hell, Hotel Insomnia

Simic sarà ospite del 7° Festival Internazionale della Poesia a Palazzo Ducale, martedì 12 alle ore 21.30.
(clicca qui per il Leggi l'articolo )

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Darkest Minds Di Jennifer Yuh Nelson Fantascienza U.S.A., 2018 Dopo che una malattia sconosciuta ha ucciso il 98% dei bambini, il 2% dei sopravvissuti sviluppa misteriosamente dei superpoteri. Proprio a causa delle loro straordinarie abilità, i ragazzi vengono dichiarati una minaccia dal governo e rinchiusi in campi... Guarda la scheda del film