Magazine Mercoledì 6 giugno 2001

La poesia è un fuoco: Renato Minore

Magazine - Renato Minore è romanziere, saggista e poeta, nonché critico letterario del quotidiano Il Messaggero e docente alla Luiss di Roma...
Accidenti, si muove a tutto campo…
“Direi che quella di muoversi su più campi sia una necessità. L’essere poligrafi è una conseguenza della contiguità di messaggi: occuparmi di un genere diventa un traino per sconfinare in un altro campo. E comunque in Italia c’è una tradizione di critici-poeti, per non parlare di quegli scrittori che sono stati grandi poeti ma vengono ricordati soprattutto o solo per la loro attività di romanzieri: penso a Volponi o a Delfini”.

Forse perché in Italia c’è più attenzione alla narrativa che ai versi?
“Effettivamente la poesia non sta vivendo un momento di grande euforia: sembrerebbe che la sua area di appartenenza debba essere l’oscurità. Eppure abbiamo avuto sicuramente dei grandi poeti nel secondo novecento, più che romanzieri. Luzi, Zanzotto e Giudici sono figure di prima grandezza”.

All’estero non è così...
“Soprattutto in America Latina. Sono stato a Medellin, a Bogotà. C’è una partecipazione del pubblico che per noi è inimmaginabile. Non so come sia il Festival di Genova, che genere di coinvolgimento riesca a suscitare. Ma in Sudamerica la poesia è come un fuoco che si propaga per le strade delle città; forse non infiammerà gli stadi, ma le piazze certamente sì. Da noi non esiste la cultura dello spazio pubblico: c’è stato un tentativo negli anni ’80, ma poi è andato tutto alla deriva”.

Secondo lei di chi è la colpa: degli scrittori o del pubblico?
“Il difetto è all’incrocio tra pubblico e poeti. Da parte di chi scrive non c’è sempre l’attitudine a rendere fruibile per tutti un testo: c’è una forte tendenza autoreferenziale. Il pubblico, del resto, è quasi sempre composto da poeti. Quindi l’autoreferenzialità è pressoché assoluta. Io l’ho sperimentato in prima persona organizzando un festival internazionale a Nettuno. Lo scorso anno abbiamo avuto ospite Lawrence Ferlinghetti, ma l’attenzione del pubblico è sempre scarsa”.


Per saperne di più su Renato Minore clicca

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male

Oggi al cinema

Momenti di trascurabile felicità Di Daniele Luchetti Commedia Italia, 2019 Lo yoga e l’Autan non sono in contraddizione? La luce del frigorifero si spegne veramente quando lo chiudiamo? Perché il primo taxi della fila non è mai davvero il primo? Perché il martello frangi vetro è chiuso spesso dentro una bacheca di vetro?... Guarda la scheda del film