Concerti Magazine Mercoledì 16 febbraio 2011

Festival di Sanremo 2011, Luca e Paolo spiegano 'Ti sputtanerò'

Altre foto

Magazine - «Stanotte non ci hanno portato via i Carabinieri, vuol dire che Fini e Berlusconi hanno dimostrato senso dell'umorismo» tirano un sospiro di sollievo Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, che ieri sera hanno portato un brivido al Festival di Sanremo con Ti sputtanerò, gustosa e tutto sommato innocua ricostruzione degli scambi di accuse a mezzo stampa tra il premier e il presidente della Camera.
Dalla casa di Montecarlo a Ruby, dalle ricostruzioni del Giornale all'invito a comparire del prossimo 6 aprile, tutto lo scontro istituzionale tra i vertici dello Stato è riportato nel resoconto canoro montato sulle note della hit di Morandi.

«Sono genovese: rido di rado, stringo i denti e parlo chiaro -spiega Luca- Sono contento del nostro primo passetto, ora è più facile camminare. Dopo Ti sputtanerò abbiamo altri tre, quattro passetti da fare. Tutte canzoni di Morandi con inserti di attualità: il riferimento al processo di Berlusconi l'abbiamo inserito la mattina stessa».
Continua Paolo: «Li chiamiamo centoni, sono canzoni famose delle quali cambiamo il testo. Abbiamo preso in giro il sistema della macchina del fango che i due protagonisti hanno usato per sputtanarsi a vicenda. Non è satira, è la parodia di ciò che avviene».

Sebbene non siano intervenute le forze dell'ordine, qualche critica, soprattutto dal quotidiano dei vescovi Avvenire, il pezzo se l'è attirata: più che per il tema, per un linguaggio giudicato inopportuno per una prima serata su RaiUno. «Lo sputtanamento di Cochi e Renato è un pezzo che era andato in onda sulla Rai trent'anni fa - taglia corto Luca - Quello che abbiamo di fronte è pesante, bisogna dire le cose come stanno, senza edulcorarle. Noi abbiamo usato le parole correnti. Il pezzo, poi, non è così satirico, è una semplice elencazione di fatti, di cose che stanno succedendo».

A scanso di equivoci, però, questa sera al Festival non dovrebbe esserci spazio per nessun centone. «Faremo una parodia della carriera di Morandi» conclude il duo comico.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Fotogallery

Oggi al cinema

Miracolo a Le Havre Di Aki Kaurismäki Drammatico, Commedia Francia, Germania, Finlandia, 2011 Marcel Marx, ex scrittore e noto bohémien, si è ritirato in una sorta di esilio volontario nella città portuale di Le Havre, dove sente di aver costruito un rapporto di maggiore vicinanza con la gente, che serve praticando l'onorevole... Guarda la scheda del film