Concerti Magazine Mercoledì 16 febbraio 2011

Festival di Sanremo 2011, Luca e Paolo spiegano 'Ti sputtanerò'

Altre foto

Magazine - «Stanotte non ci hanno portato via i Carabinieri, vuol dire che Fini e Berlusconi hanno dimostrato senso dell'umorismo» tirano un sospiro di sollievo Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, che ieri sera hanno portato un brivido al Festival di Sanremo con Ti sputtanerò, gustosa e tutto sommato innocua ricostruzione degli scambi di accuse a mezzo stampa tra il premier e il presidente della Camera.
Dalla casa di Montecarlo a Ruby, dalle ricostruzioni del Giornale all'invito a comparire del prossimo 6 aprile, tutto lo scontro istituzionale tra i vertici dello Stato è riportato nel resoconto canoro montato sulle note della hit di Morandi.

«Sono genovese: rido di rado, stringo i denti e parlo chiaro -spiega Luca- Sono contento del nostro primo passetto, ora è più facile camminare. Dopo Ti sputtanerò abbiamo altri tre, quattro passetti da fare. Tutte canzoni di Morandi con inserti di attualità: il riferimento al processo di Berlusconi l'abbiamo inserito la mattina stessa».
Continua Paolo: «Li chiamiamo centoni, sono canzoni famose delle quali cambiamo il testo. Abbiamo preso in giro il sistema della macchina del fango che i due protagonisti hanno usato per sputtanarsi a vicenda. Non è satira, è la parodia di ciò che avviene».

Sebbene non siano intervenute le forze dell'ordine, qualche critica, soprattutto dal quotidiano dei vescovi Avvenire, il pezzo se l'è attirata: più che per il tema, per un linguaggio giudicato inopportuno per una prima serata su RaiUno. «Lo sputtanamento di Cochi e Renato è un pezzo che era andato in onda sulla Rai trent'anni fa - taglia corto Luca - Quello che abbiamo di fronte è pesante, bisogna dire le cose come stanno, senza edulcorarle. Noi abbiamo usato le parole correnti. Il pezzo, poi, non è così satirico, è una semplice elencazione di fatti, di cose che stanno succedendo».

A scanso di equivoci, però, questa sera al Festival non dovrebbe esserci spazio per nessun centone. «Faremo una parodia della carriera di Morandi» conclude il duo comico.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Fotogallery

Oggi al cinema

Shark Il primo squalo Di Jon Turteltaub Azione U.S.A., 2018 Un sommergibile oceanico – parte di un programma internazionale di osservazione sottomarina – viene attaccato da un’imponente creatura che si riteneva estinta e che ora giace sul fondo della fossa più profonda del Pacifico...... Guarda la scheda del film