Concerti Magazine Martedì 15 febbraio 2011

Al Festival di Sanremo Benigni e la satira di Luca e Paolo

Altre foto

Magazine - Roberto Benigni ci sarà
Fra qualche ora parte il Festival di Sanremo, edizione 2011. E la notizia c’è. Benigni ci sarà: «Ho ricevuto un regalo bellissimo da Roberto – spiega Gianni Morandi – Un regalo non solo per me, ma per tutti gli italiani. Sarà sul palco di Sanremo giovedì per celebrare i 150 dell’Unità d’Italia: racconterà l’esegesi dell’inno di Mameli. Un grande atto di generosità. Un premio Oscar come lui, qui in mezzo a noi. Lo ringrazio a nome di tutti gli italiani».

Luca e Paolo e la censura

Risolto un tormentone, eccone un altro: canteranno Luca e Paolo? Faranno qualche battutaccia di troppo? Sono in diretta e possono fare quel che vogliono, quel che par loro. Gianmarco Mazzi, direttore artistico della trasmissione, e Mauro Mazza, direttore di Raiuno sperano di non aver brutte sorprese, confidando nel loro buon senso. Anche perché la situazione politica è rovente: «Sono dei professionisti. Li viviamo come giovani però sono navigati, hanno fatto una lunga gavetta», dicono.
«Un po’ di preoccupazione c’è, ma li dobbiamo lasciare liberi – spiega Gianni Morandi - Non gli abbiamo chiesto di farci vedere i testi, ma sanno come comportarsi. Mi fido. È da quattro mesi che stiamo lavorando assieme. Anche se scapperà qualche battuta, credo sarà nel rispetto delle regole. Sanremo è diverso dalle Iene, loro lo sanno».
Ma se fanno i matti? Credo non saranno loro gli esclusi di stasera!» glissa Morandi.
Forse è più a rischio battuta Benigni: «Anche se è libero di fare quello che vuole – continua Morandi – Mi ha detto che non si metterà a sbeffeggiare nessuno. Sarà una serata sobria e solenne».

Il televoto taroccato

Preoccupazioni intorno al televoto: «La Rai, durante il Festival avviserà i telespettatori del rischio che il televoto possa essere manomesso – spiega Mazza – Non possiamo che prendere atto del pericolo incombente delle tecnologie illegali. Purtroppo la tecnologia dei farabutti è molto avanti. Ma se scopriamo un inghippo di questo genere, annulleremo la canzone». E se qualche fan ci prova senza che il cantante ne sappia niente?

Dietro le quinte del festival
Grandi manovre intorno al Festival, ne parla Duccio Forzano, il regista della trasmissione: «Le telecamere quest’anno sono dieci, due in più dell’anno scorso. Uno sforzo della Rai che ci permette di dare valore alla scenografia tridimensionale di Gaetano Castelli. La mole di lavoro è superiore all’anno scorso, perché ci sono più conduttori. In regia lavorano 15-18 persone, tra controllo audio, controllo telecamere e cinque assistenti registi».

R.S.M.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Fotogallery

Oggi al cinema

The predator Di Shane Black Azione, Avventura, Horror, Fantascienza U.S.A., 2018 Dai confini dello spazio inesplorato, la caccia arriva nelle strade di una piccola città nella terrificante reinvenzione della serie di Predator nel progetto registico di Shane Black. Geneticamente modificati, attraverso la combinazione dei DNA di specie... Guarda la scheda del film