Concerti Magazine Lunedì 14 febbraio 2011

Lady Gaga vince i Grammy Awards

Magazine - Un mondo a parte quello americano, che dal punto di vista musicale è in grado di suggerirci qualche indicazione sul futuro: non è necessario farcire sempre tutto dello stesso sound per fare successo. Il verdetto dei Grammy Awards 2011 lo dimostra.

Stravince Lady Gaga, e ce lo aspettavamo tutti, con The fame Monster (migliore disco pop) e con Bad Romance incoronata migliore perfomance vocale single.
Meno attesi i Lady Antebellum, un gruppo country americano che con I need you now si aggiudicano il Grammy per la miglior canzone dell'anno e miglior disco country.

Fin qui nulla di strano, o quasi, ma la serata è stata tutt'altro che scontata: Esperanza Spalding, 24 anni, cantante jazz, batte a sorpresa Justin Bieber come artista rivelazione. È la prima volta nella storia della manifestazione che questa categoria viene vinta da una performer jazz.
Altra sorpresa sono gli Arcade Fire con The Suburbs: il gruppo più indie che c'è in circolazione al momento, canadese, vince nella categoria più ambita, quella di miglior album dell'anno.

Premiate anche la musica classica e un italiano: il maestro Riccardo Muti, con la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi che diresse con La Chicago Symphony Orchestra, ha ricevuto il premio dalla giuria dei Grammy Awards nella categoria miglior album classico dell'anno.

Qui finiscono le novità. I Muse vincono nella categoria The Resistance, mentre Eminem si aggiudica il il Grammy per il rap con Recovery, l'album del ritorno in grande stile dopo i problemi di salute che l'avevano tenuto lontano dalle scena. Un po' di delusione per l'ex slim shady, viste le dieci nomination, ma comunque un premio importante.
Fine serata amaro anche per Rihanna che se ne va a casa solo con il Grammy per la registrazione dance dell'anno con Only girl (in the world). I due hanno anche duettato

Quando si parla di Grammy Awards si parla anche di grandi spettacoli, che quest'anno come da tradizione non si sono fatte attendere. Prima su tutte la regina delle esibizioni spettacolari, Lady Gaga, che si è presentata sul red carpet trasportata come una principessa dentro una specie di bozzolo che si è schiuso per l'esibizione.
Commozione per Mick Jagger che in onore di Salomon Burke, recentemente scomparso, ha cantato Everybody needs somebody to love.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

A star is born Di Bradley Cooper Drammatico, Musicale U.S.A., 2018 Il musicista di successo Jackson Maine scopre, e si innamora della squattrinata artista Ally. Lei ha da poco chiuso in un cassetto il suo sogno di diventare una grande cantante... fin quando Jack la convince a tornare sul palcoscenico. Ma mentre la carriera... Guarda la scheda del film