Concerti Magazine Lunedì 8 novembre 2010

Franco Califano sull'orlo della pensione

di

Magazine - Uno sciupafemmine sull'orlo della pensione. Franco Califano, 72 anni, pensa a quando non sarà più in grado di mantenersi grazie a serate nei locali e ospitate televisive. E chiede di poter accedere alla legge Bacchelli (legge 440 dell'8 agosto 1985) che prevede un assegno straordinario vitalizio ai cittadini che si sono distinti nel mondo della cultura, dell'arte, dello spettacolo e dello sport, ma che versano in situazioni di indigenza.

L'appello del Califfo arriva dalle pagine del Corriere della Sera: «Ho avuto un incidente, ho sei costole fratturate e cammino solo con il bastone», racconta, e rimpiange di avere in passato sperperato miliardi: «Non ho una casa di mia proprietà, non ho nemmeno un box. Non ci ho mai pensato perché quando si é giovani, belli e si ha tutto a portata di mano, non si pensa mai al domani».

Solo e anziano, il Califfo chiede aiuto. Ma puntuale arriva la replica del Codacons attraverso una lettera aperta sul blog del presidente Carlo Rienzi: «(...) non mi sembra che il cantante abbia avuto nel corso della sua esistenza uno stile di vita esemplare, tale da riconoscergli una sorta di premio quale è appunto il sussidio in questione. Ma sorvolando su questo aspetto, (...) nel corso della sua carriera Califano di soldi ne ha guadagnati e anche parecchi. Se poi di tale denaro ha fatto un uso poco accorto, (...) ciò è da attribuire unicamente alle sue scelte. Il cantante afferma poi al Corriere di percepire ogni semestre dalla Siae circa 10mila Eu di diritti d'autore, ossia 20mila Eu su base annua. Se pensiamo che in Italia il 71,9% delle pensioni non supera i mille Eu mensili (12.000 Eu annui) e che quasi un pensionato su due (45,9%) vive addirittura con meno di 500 Eu al mese (meno di 6.000 euro annui), direi che il Sig. Califano non se la passa certo male».

Una smentita alle dichiarazioni di Califano, infine, arriva dal suo avvocato: «non è vero che Califano chiederà l'applicazione della legge Bacchelli. Anche se non può lavorare a causa dell'incidente, ha tanti amici che gli stanno vicino». E qui la questione può dirsi chiusa. Forse.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Ieri, oggi, domani Di Vittorio De Sica 1963 1) Adelina: sigaraia napoletana sforna figli a ripetizione per evitare il carcere per contrabbando. 2) Anna: ricca milanese flirta con poveraccio. 3) Mara: squillo d'alto bordo si invaghisce di seminarista, ma poi si pente. Guarda la scheda del film