Magazine Martedì 2 novembre 2010

Vincenzo Cerami: «Italia mia»

Magazine - Italia mia, lo spettacolo teatrale di Vincenzo Cerami, riallestimento del precedente Made in Italy, è diventato un libro e un dvd, edito da Promo Music. È ora possibile rileggere e rivedere il canto poetico e civile dedicato all'Italia, terra di Pulcinella, di canzoni, di supplì, caramelle e maccheroni. Terra di fame e catrame.

Italia mia è uno spettacolo per riflettere sull'Italia nei 150 anni dall'unificazione. Per raccontare l'Italia si prende spunto da alcuni oggetti di design industriale rivelatori dei sogni e delle aspettative passate, con la realtà odierna.
Nello spettacolo il poeta, sceneggiatore cinematografico e teatrale Vincenzo Cerami si rivolge alla figlia Aisha - Federica Vincenti - raccontando dell'amante Italia, conosciuta negli anni del boom, poi negli anni del terrorismo e ora perduta vittima dei miti da lei stessa creati.
Ma dove vai Italia così di fretta? Dove vai giovane in bicicletta? L'Italia è una baldracca che l'ha data a tutti e forse per questo piace di più. Su di lei ci sono passati tutti. Fame vedè, fame toccà. Ti sei ingrassata con i Marcinkus, i Ciancimino, il mariuolo e la margarina. Guardatela! Eri Cornelia, Ausonia, Esperia e Enotria, ora suoni la fisarmonica.

Il primo passo da ricordare è l'Italia del Boom. Boom dell'appartamento, boom del cemento, dell'arredamento, dell'allagamento. Boom di piazza Fontana, Calabresi, Italicus, Brescia... boom. I versi spaziano al ritmo marinettiano e petroliniano su arie di Guittone d’Arezzo, Dante, D’Annunzio e Pasolini; oltre a quelle dell'autore Vincenzo Cerami. In molti tratti pare di ascoltare Giorgio Caproni. Non mancano poi le canzoni, molte originali scritte da Nicola Piovani, a intervallare versi con refrain.
La vera storia d'Italia sta nei sogni nel cassetto. O Munari e la tua arancia perfetta, come il sole a sfera, il sole e la luna; l'arancia a disegnare il sole rosso al tramonto. L'Italia dei palloncini, l'Italia di Garinei e Giovannini. l'Italia di Giò Ponti, le macchine Zagato e la radio con l'occhio magico, le lampade Castiglioni e le tazzine di caffè e poi quante sedie, tante sedie. L'arte entra nell'industria; è un bello che funziona, che frulla, stira lava e tosta.

L'Italia dei geometri: un elogio a chi con filo a piombo e livella ha seminato di case e case le mille via Garibaldi. L'improbabile è diventato probabile. Che ci frega del domani se il nostro presente arriva fino all'orizzonte? Scorre su versi ispirati il racconto dell'Italia fatta di cose, di idee, di sogni e macerie: un testo di teatro civile che dice di più dei libri di storia.
In sintesi uno spettacolo che, con le parole di Cerami, descrive l'Italia come un ologramma: una luce senza lampadina, una luce illusoria; un quadro amaro di una Repubblica sgangherata.

di Giorgio Boratto

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Alpha Un'amicizia forte come la vita Di Albert Hughes Azione, Drammatico, Thriller U.S.A., 2018 Dopo una battuta di caccia finita male, un giovane uomo delle caverne lotta contro una serie di ostacoli per ritrovare la strada di casa. Un’emozionante storia di crescita ed iniziazione arricchita dal forte rapporto tra il protagonista e un lupo. Guarda la scheda del film