Magazine Venerdì 8 ottobre 2010

«Ho sognato di uccidere un uomo»

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Salve,
ho sognato che ero in una piazza con due uomini, un assassino e una vittima. Io per difendermi dall'assassino avevo una lama arrugginita e dopo aver lottato sono riuscita ad ucciderlo tagliandogli la gola. Poi sono corsa dalla polizia spaventata perché mi sentivo un'assassina. Vorrei sapere se nel sogno c'è qualche significato nascosto.


Buongiorno. I sogni sono messaggi molto particolari e a volte non è facile interpretarli compiutamente. Da quello che lei scrive sembra che sia dovuta intervenire in difesa di qualcuno, compiendo a sua volta un atto carico di aggressività. Questo intervento le ha procurato la sensazione di essere passata dalla parte del torto. Potrebbe riferirsi a una cosa che lei ha realmente fatto, ma più probabilmente il sogno rivela qualcosa che lei sente che vorrebbe o che dovrebbe fare o dire, e di cui, allo stesso tempo, teme le conseguenze del suo esporsi.
Il fatto che lei usi una vecchia lama arrugginita può poi indicare che la sua arma scaturisce o si riferisce a vecchi rancori, e che le sue preoccupazioni riguardano non solo delle azioni, ma anche qualcosa che viene detto a discapito di qualcuno, ed è per questo che si arriva a colpire alla gola. Credo che lei dovrà meditare bene se e come intervenire nella sua vita, per non sentirsi poi vittima di sensi di colpa per essere intervenuta a sproposito o troppo avventatamente.
A volte queste sensazioni vengono definite come conflitti di lealtà. Accade quando dobbiamo scegliere come comportarci nei confronti di una persona per la quale si nutrono degli affetti positivi ma, che, allo stesso tempo, valutiamo negativamente in alcuni suoi comportamenti. In questi casi si può restare in silenzio o intervenire.
In genere è meglio agire. Possibilmente senza esagerare.

Saluti,
Ventura
di Giorgio Viaro

Potrebbe interessarti anche: , «Una delusione d’amore mi ha fatto cadere in depressione: come ne posso venire fuori?» , Doc Omosex o ipocondria omosessuale? La risposta nell'autostima , «Il mio compagno mi ha chiamata con il nome di un'altra. Mi devo preoccupare?» , «Ha paura di fidanzarsi, ma non vuole perdermi: cosa devo fare?» , Perché si viene al mondo? «Ho 86 anni e ancora me lo domando»

Oggi al cinema

La promessa dell'alba Di Eric Barbier Drammatico 2017 Nina Kacew è una donna irascibile e tenace che sogna il figlio ambasciatore e grande romanziere. Caparbiamente convinta che il suo ragazzo sia promesso a un destino fuori dal comune, ogni sua azione è votata alla causa. Cresciuto in Polonia... Guarda la scheda del film