Magazine Lunedì 27 settembre 2010

Quello che le donne sanno (e non dicono). L'ultimo romanzo di Sveva Casati Modignani

Magazine - La letteratura e il mondo dei libri in generale sono un terreno di preconcetti. Magari un libro scritto da una scrittrice "rosa" uno non lo leggerebbe mai. Non che si scopra poi una letteratura elevatissima, oppure una lingua più originale. Però si può capire come certi meccanismi maschili - quelli interiori, le paure insomma - siano un vetro attraverso il quale certe donne vedono senza neanche un alone.
L'operazione è possibile per tutti i maschi che si avvicinino a Mister Gregory (pag. 526, Sperling & Kupfer, euro 20,90), scritto da Sveva Casati Modignani.

Un libro che quest'estate ha tenuto banco, scritto in un italiano trasparente. La storia è semplice. È un duello d'amore tra Gregorio Caccialupi, un affascinante maschio italiano che raggiunge in America una forza nuova ed una fortuna economica notevole, e la sua mamma Isola, una femmina bellissima, inadatta alle campagne umide del Polesine, là dove il mare azzurro conosce il fiume grigio come la noia. È l'unica donna capace di far pensare a tutti gli uomini quanto sia possibile il pericolo che un altro uomo, più bello, più potente e con più soldi si possa portare via la tua metà.
È un ragionamento rozzo quanto si vuole ma ci sta. Quando Isola viene abbracciata - per consolarla - dal Professore, in occasione di una ricaduta del suo male, davanti agli occhi del marito, un contadino senza mezzi e con quell'unico tesoro di moglie, la mente del maschio tipico italiano puoi vederla sbandare.

Se la Casati Modignani ha realizzato un ottimo romanzo con un primo protagonista maschile, lo deve a questo passaggio psicologico fondamentale. La paura che l'uomo ha di perdere la sua donna. Il Professore non solo si occupa della sua salute, ma della sua anima. Le lascia libri da leggere. Messaggi criptati per catturare una donna. Un perfido vantaggio su chi la cultura non ce l'ha.
Isola - che non si chiama così a caso - se ne lascia travolgere. Gregorio - il figlio - resta un bambino senza la mamma. Vede il padre andare via perché uccide un uomo, o pensa di averlo fatto, picchiandolo: aveva sporcato l'immagine di una moglie che sapeva già non essere più sua. Da quel momento la storia prende il vento. Gregorio comincerà a lavorare negli alberghi come boy-bell, il ragazzo che nei grandi alberghi di un tempo aveva l'incarico di avvertire con un tintinnio discreto gli ospiti di una chiamata telefonica o di un visitatore. Salirà lungo la scala del lavoro e lungo quella dell'amore. La sua fama di seduttore - in realtà - sarà sempre un modo per punire la madre che lo aveva abbandonato. Il finale lo sorprenderà.

Sveva Casati Modignani ha confezionato una lingua congegnata apposta per farsi leggere, anzi bere.
Come Italo Calvino usa pochissimi aggettivi. Lo scrittore sanremese usava tagliarli perché si parla con i sostantivi e non con gli aggettivi.
L'unica cosa che ci chiediamo è questa: Gregorio è la rivincita di un uomo che ha conosciuto il tradimento? Questo è un romanzo sul tradimento? Al di là delle letture psicanalitiche - pensiamo che la nostra un po' lo sia, ma sincera - è vero che ha voluto in qualche modo mettere a nudo le paure dei maschi contemporanei ed allo stesso tempo far capire che la cultura, quella profonda che contagia le menti con la lettura, è un mezzo di conquista da non sottovalutare mai?
Avere una risposta ci farebbe comodo. Per i maschi. Soprattutto.

di Alberto Pezzini

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

A-X-L Un'amicizia extraordinaria Di Oliver Daly Azione 2018 Sullo sfondo dei classici film per famiglie degli anni '80, un'avventura, quella di un ciclista adolescente, Miles, che si imbatte in un cane militare robotizzato, chiamato A.X.L. Dotato di intelligenza artificiale di nuova generazione ma con il cuore... Guarda la scheda del film