Magazine Lunedì 21 maggio 2001

Ti ricordi il razzo tritura asteroidi?

Magazine - Amo i computer ma odio le playstation: non riesco a identificare il PC come mezzo di puro svago, sono legato all’immaginario del flipper e dei primi videogiochi.
Trovo noiose e allucinanti le simulazioni troppo perfette: sono affezionato al gioco astratto e/o schematico, quello costruito sulla pura materia onirica, come è appunto il flipper, oppure su un grado di astrazione geometrico-matematica, come il famoso muro da abbattere con le palline.

La mia ultima infatuazione è stata il Tetris, quindi sono un po' indietro (di cottura). Ho ritrovato con piacere in un cd prestatomi da un amico la versione per windows del gioco degli asteroidi, si chiama Winroids, non ricordo come si chiamasse quando si trovava soltanto nelle sale dei videogiochi. Gli appassionati se lo ricorderanno come uno dei più difficili: era durissimo rimanere integri per molto tempo in quella tempesta di meteoriti in bianco e nero. Era però affascinante nella sua essenzialità e tremendamente stimolante per il grado di abilità che pretendeva. E’ stato inoltre uno dei primi videogiochi a introdurre la “relatività” della posizione del giocatore: con il razzetto tritura asteroidi, si poteva sfrecciare oltre i limiti dello schermo oltre ad andare in qualsiasi direzione facendo esperienza della totale assenza di attrito del vuoto cosmico.

Un’esperienza esaltante, da odissea nello spazio: altro che Space Invaders

Altur

di Daniela Carucci

Potrebbe interessarti anche: , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male

Oggi al cinema

Momenti di trascurabile felicità Di Daniele Luchetti Commedia Italia, 2019 Lo yoga e l’Autan non sono in contraddizione? La luce del frigorifero si spegne veramente quando lo chiudiamo? Perché il primo taxi della fila non è mai davvero il primo? Perché il martello frangi vetro è chiuso spesso dentro una bacheca di vetro?... Guarda la scheda del film