Magazine Martedì 10 agosto 2010

Amore: «Lui si comporta ancora come un single»

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Cara Antonella,
il mio più che un problema di cuore è un dubbio di testa. Provo a spiegarmi: da 6 mesi sto con un ragazzo speciale; la nostra storia è stata subito impostata da entrambi come qualcosa di importante, ci siamo presentati alle rispettive famiglie, a tutti gli amici, abbiamo fatto piccole prove di convivenza, diversi viaggi insieme e in sostanza sembra tutto perfetto (troppo?).
#BANNER#
Ma ci sono dei tarli nella mia mente che inquinano la gioia di questo momento. È da dire che abbiamo alle spalle due vissuti molto diversi, se non opposti: io ho avuto solo storie importanti (un paio), impostate sempre sulla lungimiranza; mi piace fondermi con la persona che amo, raggiungere un'intimità viscerale, per me il rapporto è solidarietà, altruismo e complicità a 360 gradi. Lui invece viene da un numero sconfinato di storie leggere, basate sulla fisicità della relazione; ha provato un paio di volte, diversi anni fa, a mettersi in gioco, ma gli è andata male e da allora secondo me si è un po' inaridito.

Da queste premesse scaturiscono tutta una serie di comportamenti che non ci permettono di allinearci perfettamente come potremmo. Ad esempio, a letto lui non fa l'amore con me, ma piuttosto 'una performance sportiva'. Spesso si comporta ancora come un single, non che cerchi altre donne, ma agisce per se senza pensare al noi. Dà un'importanza enorme al mio aspetto (che ammira), mi sprona alla cura del corpo come se avesse paura che con il tempo io possa lasciarmi andare (ma 'con il tempo' nei rapporti subentrano cose più importanti dell'aspetto, sbaglio?) Non so se riesco a spiegarmi, per sintesi potrei dire che, nonostante stia con me, lui è solo, solo contro il resto del mondo, spesso sulla difensiva e più di frequente scioccamente egoista su delle banalità materiali.

Come posso portare il nostro rapporto al livello di profondità che cerco e di cui non so fare a meno? Come posso fare breccia nella sua corazza? Lui è innamorato di me tanto quanto lo sono io di lui, ma abbiamo due modi diversi di vivere l'amore: io ne resto inglobata, lui lo vive con misura.
Grazie per aver letto,

Giuliana

Cara Giuliana,
se ti rileggi, ti accorgerai di avere descritto un rapporto intensissimo, vicino all'eccesso da entrambe le parti. Sembra che tu cerchi la simbiosi; sembra che lui si sia fatto il film e voglia costruire la protagonista esattamente come desidera. La tua intensità è eccessiva perché non lascia spazio - o così mi è sembrato - a quel tanto di privato di cui ognuno ha bisogno; la sua per lo stesso motivo in fondo, perché vuole realizzare la donna immaginata, senza lasciare spazio alla sua personalità. Tu eccedi nel profondo e lui nella superficie. Ognuno vuole cambiare l'altro e la pessima notizia è che, dopo una certa età, cambiare è difficilissimo, quasi impossibile.

Giuliana, so già che non mi ascolterai e che la mia risposta ti deluderà, ma i lettori mi vogliono bene perché dico la verità, in modo più o meno diretto a seconda della persona. Con te sono quasi dura, perché ti vedo impegnata in una battaglia persa, perché sei mesi sono pochi per tutto quello che avete fatto e le decisioni importanti che credete di avere preso. Ti vedo sull'orlo di una scelta definitiva e tuttavia ritengo che i tuoi dubbi siano sensatissimi. Vedo anche una soluzione, che ti piacerà ancora meno della risposta: invece di tentare di cambiarvi - impresa, ripeto, impossibile - provate a adattarvi. Il lato meno piacevole è che il tuo compagno - lo hai scritto tu - ha come obiettivo una persona di aspetto più che gradevole, che 'figuri bene in società'; tu vuoi dell'altro. Non vuoi fare parte del 'programma' del borghese-tipo: 1) lavoro, 2) moglie gnocca e pr, 3) figli adeguati allo status, 4) due auto più la smart per la città, 5) n televisori, n cellulari, ecc.; sempre uno più degli altri, sempre 'il meglio' a seconda dello stile di vita della classe sociale e delle aspirazioni intellettuali (?) della coppia.

Non mi sembri fatta così, Giuliana, perché adattarti? Pensaci bene e - per amore tuo, che è importante quanto l'amore per l'altro - cerca di ridurre anche tu le aspettative, benché nobili.
Auguri cara,
Antonella

di Martina Guenzi

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Skyscraper Di Rawson Marshall Thurber Azione U.S.A., 2018 Will Ford, è un ex leader del Team di Recupero Ostaggi dell’FBI e veterano americano di guerra, che ora valuta la sicurezza dei grattacieli. Durante un lavoro in Cina trova il più alto e sicuro edificio del mondo improvvisamente in... Guarda la scheda del film