Magazine Venerdì 30 marzo 2001

Viaggiatori stranieri in Italia

Magazine - L’impresa è titanica. Una mostra che vuole mettere in prospettiva cinque secoli di arte, letteratura e storia del nostro paese. Anzi, “nel” nostro paese: perché i protagonisti, quelli che ci accompagnano lungo il percorso espositivo, sono i grandi nomi della cultura mondiale.

Dico subito che la mostra è riuscita bene e che se ve la perdete fate un grosso errore.
Mettete però in conto che è impegnativa.
Frutto di tre anni di lavoro, raccoglie circa ottocento pezzi in quattordici sezioni. In ciò sta l’eccezionalità e la ricchezza, in ciò sta la difficoltà della mostra. Perché se ne esce stremati, nel fisico (un chilometro e mezzo di percorso, due ore e rotte per una buona visita) e nella mente.

Molte e bellissime le opere d’arte.
Fra tutte, un plauso ai ritratti, su marmo o su tela, non conta, tutti – compresi quelli di nomi meno noti – molto belli. La felicità nella scelta dei ritratti è dovuta al sincero amore di Marcenaro e Boragina per i personaggi che ci presentano.
Non sto ad elencare i capolavori da non lasciarsi scappare: quando ci sarete davanti li riconoscerete subito. Mi riprometto di farci un articolo ad hoc in futuro.
Bastano i nomi di Raffaello, Tiziano, Michelangelo, Botticelli, Mantegna, Rubens e Van Dyck? Penso di sì…

Fra i cimeli storici, il primo manoscritto di A Silvia di Leopardi e la prima stesura di Così fan tutte, di pugno di Mozart.

Il primo personaggio è Montaigne, in Italia alla fine del ’500 per curarsi i calcoli renali con le acque. Con lui facciamo conoscenza delle ville medicee, dei giardini vaticani e di Tasso.
Poi è la volta di Rubens e di Genova. Finalmente si vedono le mitiche stampe dei palazzi. Seguono a Ruota Montesquieu (Torino, Milano, Bologna) e De Sade, inseguito dalla polizia e intento a scrivere Justine, e Winckelmann, l’inventore dell’archeologia.
Con la figura di Goethe il paesaggio prorompe imperioso: Napoli, la Sicilia, soprattutto il Vesuvio. La Liguria torna nelle figure di Byron, Shelley, Dickens e Flaubert. Ecco delle vedute della Genova d’inizio Ottocento: splendida.
Si finisce in bellezza con Browning e Henry James.

Sobrio e semplice l’allestimento, perfetta l’illuminazione.
Peccato per l’horror vacui imposto dalla mole di opere: non un metro libero, non una pausa. A volte si fatica perfino a percepire lo stacco fra una sezione e l’altra.

Ma se volete finalmente vedere una mostra in cui le opere d’arte, i dipinti, le statue, e i libri che vi hanno fatto studiare al Liceo prendono vita, non potete perdervi questo Viaggio in Italia.

di Giulio Nepi

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

The children act Il verdetto Di Richard Eyre Drammatico 2017 Giudice dell'Alta Corte britannica, Fiona Maye è specializzata in diritto di famiglia. Diligente e persuasa di fare sempre la cosa giusta, in tribunale come nella vita, deve decidere del destino di Adam Henry, un diciassettenne testimone di Geova... Guarda la scheda del film