Magazine Venerdì 30 marzo 2001

Viaggiatori stranieri in Italia

Magazine - L’impresa è titanica. Una mostra che vuole mettere in prospettiva cinque secoli di arte, letteratura e storia del nostro paese. Anzi, “nel” nostro paese: perché i protagonisti, quelli che ci accompagnano lungo il percorso espositivo, sono i grandi nomi della cultura mondiale.

Dico subito che la mostra è riuscita bene e che se ve la perdete fate un grosso errore.
Mettete però in conto che è impegnativa.
Frutto di tre anni di lavoro, raccoglie circa ottocento pezzi in quattordici sezioni. In ciò sta l’eccezionalità e la ricchezza, in ciò sta la difficoltà della mostra. Perché se ne esce stremati, nel fisico (un chilometro e mezzo di percorso, due ore e rotte per una buona visita) e nella mente.

Molte e bellissime le opere d’arte.
Fra tutte, un plauso ai ritratti, su marmo o su tela, non conta, tutti – compresi quelli di nomi meno noti – molto belli. La felicità nella scelta dei ritratti è dovuta al sincero amore di Marcenaro e Boragina per i personaggi che ci presentano.
Non sto ad elencare i capolavori da non lasciarsi scappare: quando ci sarete davanti li riconoscerete subito. Mi riprometto di farci un articolo ad hoc in futuro.
Bastano i nomi di Raffaello, Tiziano, Michelangelo, Botticelli, Mantegna, Rubens e Van Dyck? Penso di sì…

Fra i cimeli storici, il primo manoscritto di A Silvia di Leopardi e la prima stesura di Così fan tutte, di pugno di Mozart.

Il primo personaggio è Montaigne, in Italia alla fine del ’500 per curarsi i calcoli renali con le acque. Con lui facciamo conoscenza delle ville medicee, dei giardini vaticani e di Tasso.
Poi è la volta di Rubens e di Genova. Finalmente si vedono le mitiche stampe dei palazzi. Seguono a Ruota Montesquieu (Torino, Milano, Bologna) e De Sade, inseguito dalla polizia e intento a scrivere Justine, e Winckelmann, l’inventore dell’archeologia.
Con la figura di Goethe il paesaggio prorompe imperioso: Napoli, la Sicilia, soprattutto il Vesuvio. La Liguria torna nelle figure di Byron, Shelley, Dickens e Flaubert. Ecco delle vedute della Genova d’inizio Ottocento: splendida.
Si finisce in bellezza con Browning e Henry James.

Sobrio e semplice l’allestimento, perfetta l’illuminazione.
Peccato per l’horror vacui imposto dalla mole di opere: non un metro libero, non una pausa. A volte si fatica perfino a percepire lo stacco fra una sezione e l’altra.

Ma se volete finalmente vedere una mostra in cui le opere d’arte, i dipinti, le statue, e i libri che vi hanno fatto studiare al Liceo prendono vita, non potete perdervi questo Viaggio in Italia.

di Giulio Nepi

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Ave, Cesare! Di Ethan Coen, Joel Coen Commedia U.S.A., Regno Unito, 2016 Quando la star cinematografica più importante del mondo svanisce nel nulla e i suoi rapitori pretendono uno spropositato riscatto per la sua libertà e incolumità, sono i nomi di grande calibro a Hollywood a doversi adoperare per risolvere... Guarda la scheda del film