Weekend Magazine Mercoledì 16 maggio 2001

Badminton, il volano a Genova

Magazine - L’occasione per parlarvi di questo sport meno noto viene da un evento, una gara internazionale di grande importanza, che è tenuta ad Acqui Terme, Domenica 20 Maggio e che vedrà la partecipazione dei migliori atleti europei.
Per quelli, e penso saranno un po’, che non hanno un’idea troppo precisa di cosa sia il badminton: da noi veniva anche chiamato “volano”. E’ uno sport, affine, se vogliamo, al tennis, che si pratica su un campo di dimensioni limitate al chiuso. Al centro del campo c’è una rete, alta circa un metro e mezzo. La pallina e’ sostituita dal “volano” (oggetto di forma conica, con l’estremità inferiore sferica di gomma, e con piume o bande in plastica per stabilizzarne la caduta. Un po’ tecnico, ma , spero, piuttosto chiaro.) Il gioco si svolge tutto al volo e consiste nel lanciare il volano nel campo dell’avversario con una racchetta particolare, più piccola e leggera di quella del tennis.
Quali sono i pregi del badminton ? Uno cosa che ho subito notato, quando ho provato un po’ di anni fa, e che non è affatto frustrante. Me lo conferma Emma Szczepanski, istruttrice di origine inglese, che assieme ai suoi colleghi ha fondato il badminton club di Genova nel giugno del 1998.
All’inizio è piuttosto facile, ma può diventare frenetico quando si diventa più bravi. Emma assieme a Federico Bianchi, presidente del club, e a Marco Libertini ha anche organizzato dei corsi a costo davvero contenuti. Potete contattarli dando un’occhiata al loro sito: www.genovabadminton.it/ . Se volete un panorama del badminton in Italia: www.badminton-italia.com .
Le attività si tengono presso il gruppo sportivo San Michele in Via Terpi (Molassana) ma non mancano iniziative anche nelle scuole.

Oggi al cinema

Il castello di vetro Di Destin Daniel Cretton Drammatico U.S.A., 2017 Una giovane donna di successo è cresciuta accudita da genitori anti-conformisti, una madre eccentrica e un padre alcolizzato. Il padre, vivendo nella povertà più assoluta a causa del suo licenziamento, distraeva i suoi figli raccontando... Guarda la scheda del film