Magazine Giovedì 10 giugno 2010

Premio Strega 2010: i cinque finalisti

Magazine - Il Premio Strega 2010 ha definito, dopo la prima votazione, i cinque finalisti. Prima classificata, con 62 voti è Silvia Avallone. La giovane scrittrice biellese (ha solo 25 anni), con il suo primo romanzo di formazione, Acciaio (Rizzoli), si è aggiudicata così il favore della giuria, composta dal gruppo degli Amici della domenica, all'interno del quale sono inclusi i voti di scuole, istituti culturali, circoli di lettura, dei lettori cosiddetti “forti”.

Dopo di lei, al secondo posto con 55 voti, Paolo Sorrentino con Hanno tutti ragione (Feltrinelli, 55 voti), Antonio Pennacchi con Canale Mussolini (Mondatori, 54 voti), Matteo Nucci con Sono comuni le cose degli amici (Ponte alle Grazie, 50 voti) e Lorenzo Tavolini con Accanto alla tigre (Fandango, 45 voti). La scrittrice milanese Barbara Garlaschelli con Non ti voglio vicino (Frassinelli) è stata le prima degli esclusi.

Giovedì 10 giugno, al Festival delle Letterature di Massenzio, i finalisti potranno leggere un testo, scritto per la serata e quindi completamente inedito, sul tema Piacere – La vita nell’abbandono: incanti e desideri. E non è tutto. Venerdì 18 giugno, a Vienna, prenderanno parte ad un evento realizzato con l’Istituto italiano di cultura, durante il quale verranno presentati al pubblico.

La conclusione a Roma, giovedì primo luglio. Il vincitore del Premio Strega 2010, promosso dalla Fondazione Bellonci e, storicamente, in collaborazione con il famoso liquore, verrà infatti premiato al Ninfeo di Villa Giulia.

di Martina Guenzi

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione