Magazine Venerdì 21 maggio 2010

Mamme apprensive: quando anche i sogni creano angoscia

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Buongiorno,
ho 35 anni e sono mamma di due bimbi. Questa notte ho sognato che il più grande era davanti a me vestito. Ad un certo punto si è bagnato i capelli con l'acqua di un rubinetto. Cosa significa? Sono un po' angosciata perché ho letto che non è una bella cosa.


Buongiorno mamma di 35 anni. Non so dove lei abbia letto il significato del suo sogno, né ho idea di cosa la possa preoccupare così tanto da angosciarla.
Dal mio punto di vista non penso che il suo sia un sogno premonitore, mentre mi verrebbe da dire che, simbolicamente, vedere suo figlio che si mette vestito sotto l'acqua non è una bella visione per una mamma apprensiva, ma potrebbe anche essere un semplice gioco. Se lei lo ha vissuto con preoccupazione, allora potrebbe essere correlato al fatto che lei ha sentito che suo figlio le è sfuggito di mano e la cosa l'ha preoccupata. Ma, da questo sfuggire al controllo, all'angoscia, il passo è lungo.
A volte - anzi, spesso - le sensazioni sono prive di indicatori razionali. E questo vuol dire che non si sa se il nostro sentire è riferito ad una cosa grande o piccola. Se è relativa ad un momento breve e transitorio o ad uno stato più lungo e stabile. Né, tantomeno, le sensazioni sono in grado di predire ma solo, appunto, di sentire il presente. Tutto questo per dire che forse dovrebbe guardare di più i suoi figli, mettendo assieme l'attenzione e la serenità in modo da accorgersi se davvero c'è bisogno di un suo intervento. Tutto questo con la consapevolezza che lei, come madre, è lì per questo e dunque in grado di essere presente nei tempi e nei modi più giusti. In altre parole, spero che lei sogni al più presto che, dopo aver messo la testa sotto l'acqua, suo figlio si asciugava i capelli col phon. Ridendo assieme a lei.

Saluti,
Ventura

di Martina Guenzi

Potrebbe interessarti anche: , «Credo di essere bisessuale»: il dubbio di un preadolescente, le domande della mamma allo psicologo , «Ha paura di fidanzarsi, ma non vuole perdermi: cosa devo fare?» , Perché si viene al mondo? «Ho 86 anni e ancora me lo domando» , Innamorata di un amico del suo ex fidanzato, ma non sa come dirglielo , «Il mio ragazzo guarda film porno, ma non fa sesso con me»

Oggi al cinema

Ladri di biciclette Di Vittorio De Sica Drammatico Italia, 1948 Antonio Ricci festeggia con la famiglia il lavoro che ha ottenuto faticosamente: attacchino di manifesti del cinema. La famiglia riscatta dal banco dei pegni la bicicletta e Antonio va a lavorare. Sta incollando il manifesto di Gilda quando gli rubano... Guarda la scheda del film