Magazine Giovedì 29 aprile 2010

L'interpretazione dei sogni: lo psicologo risponde

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori mentelocaliani,
a causa di un problema tecnico, per alcuni giorni è stato impossibile scrivere a Marco Ventura. Ora potrete nuovamente inviare la vostre mail al Lettino Virtuale tramite lo spazio che trovate qui sotto.

Per scrivere a Marco Ventura, clicca qui

Magazine - Buongiorno. Molto spesso sogno mia nonna (che è morta), che compie azioni normali ma nel sogno sono consapevole che è già morta infatti dico a gli altri: ma non è morta? Poi ho sognato che mia cugina (che nella realtà è incinta) mi diceva che il bambino è morto. In generale ho fatto anche altri sogni di morte; vorrei sapere cosa significa. Grazie

Buongiorno. Lei mi parla dei suoi sogni ma non mi dice niente di se, neppure il nome, e questo rende tutto più complicato. Almeno dal mio punto di vista. Perché, a meno che lei non voglia giocare dei numeri al lotto (ed in questo caso non sono io la persona più adatta a cui chiedere) ogni sogno ha degli elementi comuni, ma sopratutto ha dei riferimenti personali e soggettivi che lo rendono unico. Se non si sa nulla della persona che lo ha sognato, il sogno da solo rischia di diventare un guscio vuoto. Questo vuol dire che lo stesso sogno potrebbe avere significati diversi a seconda di chi lo sogna o dei momenti in cui lo si sogna e dunque avere più o meno senso a seconda delle circostanze. Questo vale, in generale, per tutti i sogni, in più, non è facile parlare dei sogni che riguardano la morte, parola che assume via via significati molto diversi dalla sua definizione letterale. Così, in senso più ampio, posso dirle che, spesso, noi usiamo questo concetto con un significato simbolico meno definitivo e più vicino ad un significato di trasformazione da uno stato ad un altro (credo che questa lettura sia anche rispecchiata nei tarocchi con l'arcano maggiore della morte che, appunto, sta ad indicare il punto di passaggio tra due cicli più che una conclusione totale).
Nello specifico del suo sogno, ed in particolare per quanto riguarda la prima parte, esso potrebbe rispecchiare una situazione vissuta davvero nella realtà. Laddove sua nonna/nonno (che vuol dire?) è realmente morta ma allo stesso tempo vive nei ricordi e dunque non è del tutto sparita dalla sua vita. In questo meccanismo della mente non vi è nulla di particolarmente esoterico, ma è il modo con cui noi teniamo dentro di noi parti, esperienze ed emozioni di ciò che abbiamo vissuto, anche per molto tempo dopo che, di fatto, sono terminate. E questo accade sia per le esperienze piacevoli sia, purtroppo, per quelle spiacevoli, creando, a volte, non poca confusione e non poco dolore. Per la seconda parte del suo sogni invece, avrei bisogno, davvero, di sapere qualcosa di più specifico della sua vita.

Saluti
Ventura

Buongiorno, ho fatto un sogno strano. Mi suonano alla porta della casa accoglienza in cui mi trovo. Dalla finestra vedo tre animali dalle sembianze umane, sono un lupo, un orso e una cerva, accompagnati da una guardia. Li faccio entrare; l'orso mi ignora, la cerva si sdraia sul divano con fare sufficiente. L'uomo lupo sembra un po' aski: occhio intenso e azzurro. Mi invita a sedermi sulle sue gambe e mi sorride; ho la netta sensazione che si fidi di me. Poi mi sveglio.

Buon giorno anche a lei, che non si firma, e di cui non conosco null'altro se non che vive in una casa accoglienza. Questo particolare mi fa sorgere molte domande che però, per ora rimangono senza una risposta precisa. Cosi mi ritrovo a ripetere a lei quanto già detto sui sogni e sui sognatori aggiungendo una postilla; non sarà che questo rimanere anonimi e cercare risposte nei sogni (anziché dentro di noi) sia, in effetti, il segno di una sottile paura di non essere all'altezza di affrontare con le proprie risorse, il cammino della vita? Se fosse cosi, e temo che, almeno in parte, possa essere cosi, allora, prima di tutto dovrei ricordare a lei e a tutti quelli che vorranno scrivere, che io credo nelle persone più che nei sogni, a meno che, attraverso i sogni, le persone aggiungano ulteriori dettagli a cio che già conoscono e raccontano di se stessi. E questo ci riporta al discorso iniziale. Prima del sogno vengono i sognatori e dunque a me interessa conoscere chi è la persona dietro ogni sogno. Per poi poterla aiutare a conoscersi ancora meglio.

Saluti
Ventura

di Martina Guenzi

Potrebbe interessarti anche: , Una donna ossessionata dal pensiero di essere lesbica chiede aiuto: il consiglio dello psicologo , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria

Oggi al cinema

Youth La giovinezza Di Paolo Sorrentino Drammatico Italia, Francia, Svizzera, Regno Unito, 2015 In un elegante albergo ai piedi delle Alpi Fred e Mick, due vecchi amici alla soglia degli ottant’anni, trascorrono insieme una vacanza primaverile. Fred è un compositore e direttore d’orchestra in pensione, Mick un regista ancora in... Guarda la scheda del film