Concerti Magazine Martedì 30 marzo 2010

Mentelocale, più video per una maggiore libertà di informazione

Magazine - Forse è una legge di mercato o di costume rifarsi l'abito, cambiare veste grafica e presentarsi ogni tanto nuovi. Lo so che lo fanno i negozi, i locali pubblici e anche in casa nostra, se non cambiamo i mobili e la loro disposizione di certo tinteggiamo o rinfreschiamo le pareti. Anche i siti web, le numerose Homepage, ogni tanto si rinnovano e cambiano aspetto. Così ora anche mentelocale.it, il portale di cultura e informazione varia, si rifà la veste. Si fa bello.

Mentelocale.it di novità ne propone molte, come ha scritto la direttora Laura Guglielmi nel suo articolo. Saranno i numerosi lettori che ogni giorno visitano le pagine a valutarne la bellezza e la funzionalità, oltre che la ricchezza. Io vorrei fare una proposta per quanto concerne i contenuti redazionali, alla luce di quanto è successo in questa campagna elettorale: inserire sempre più servizi video preparati dalla redazione o mandati dalla community. Il pasticcio dell'applicazione della legge sulla Par Condicio, che ha bloccato i talk show televisivi, ha trovato una risposta su internet, che è culminata con la trasmissione di Raiperunanotte.

Le televisioni in streaming e i servizi video dei vari quotidiani online hanno coperto un disservizio di informazioni svolto dalla televisione tradizionale.Si potrebbe affermare che l'Italia dei cittadini attivi e che non vogliono essere succubi, ha trovato il modo di essere protagonista scegliendo altri media.

Internet è lo strumento multimediale per eccellenza, la sua interattività permette di far scegliere e di proporre al navigatore-visitatore tutta la gamma di comunicazione possibile: lettura, immagini, audio e video. Mentelocale.it ha spesso fornito materiale fotografico e video di interviste, è possibile allora aumentare l'offerta video? Se non espressamente con una propria tv, almeno con reportage video per occasioni importanti?

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

L'uomo che rubò Banksy Di Marco Proserpio Documentario 2018 È il 2007. Banksy e la sua squadra si introducono nei territori occupati e firmano a modo loro case e muri di cinta. I palestinesi però non gradiscono. Il murales del soldato israeliano che chiede i documenti all'asino li manda su tutte... Guarda la scheda del film