Magazine Venerdì 11 maggio 2001

Tentativi di brogli per votare la poesia

Magazine - Cos’è successo al sondaggio Un voto per la poesia?
Ieri sera lo avevate visto sfiorare quota 4000 voti, e stamattina, al vostro risveglio, lo trovate a neppure 1500. Non avete le traveggole, e la nostra macchina non è impazzita.

Semplicemente, abbiamo dovuto intervenire sull’andamento delle votazioni e annullare oltre 2000 clic. Perché?

Perché qualcuno aveva trovato irresistibile l’idea di vedere la sua poesia preferita (o quella scritta da lui? o da un amico?) immortalata a fianco di quelle di Sanguineti, Montale, Caproni e compagnia bella.

Anzi, a quanto pare bellissima, talmente bella da ricorrere a qualche piccolo (?!) trucco pur di riuscirci. Si sa, i concorsi letterari non sono esenti da brogli, gli scrittori sono disposti a fare carte false pur di assicurarseli. Ebbene, è successo anche questa volta, qualcuno ha provato ad aggirare le barriere del sistema. Questo concorso indetto da mentelocale in collaborazione con il Secolo XIX è stato quindi promosso sul campo a "grande concorso".

Abbiamo ricevuto delle segnalazioni da alcuni di voi e i nostri tecnici hanno provveduto a isolare i clic fraudolenti e a eliminarli. Quelli che vedete ora sono i voti "ripuliti". Sorveglieremo l'andamento del sondaggio da qui allo scoccare della mezzanotte, quando chiuderemo le votazioni. Affrettatevi a cliccare!


di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione