Concerti Magazine Martedì 16 febbraio 2010

'Heligoland': i Massive Attack sono tornati

Magazine - Cercate un antidoto a Sanremo? Allora procuratevi questo Heligoland, quinto album di materiale originale dei Massive Attack, collettivo di Bristol che si usa annoverare fra gli inventori del trip hop, quando ormai nel lontano 1991 si presentarono con l'album Blue Lines. Magari senza far troppo caso alla copertina, in grado di mettere immediatamente in fuga chi sia abituato a scegliere i propri acquisti musicali in base alle immagini della cover.

Qui i Massive Attack, ormai ridotti al duo di Robert Del Naja, di origini campane, e Grant Marshall, rinnovano l'idea del disco-progetto, da sempre loro marchio di fabbrica, ampliando la platea degli ospiti e plasmando le (molteplici) forme di quella che può essere la canzone moderna. Mettendo nella ricetta idee originali, ritmo, sensualità, pezzi di world music trasformati e l'inevitabile dose di elettronica. Un disco multi uso insomma, che si presta a diverse funzioni ed occasioni: potete rilassarvi, come credete, alle cadenze ragamuffin' di Horace Andy, sottolineare i momenti romantici con la suadente voce di Martina Topley Bird, o esaltarvi nelle danze dei momenti più agitati a firma di Del Naja.

Io l'ho trovato molto adatto - ma so di essere un caso a parte - stirando una montagna di camice in attesa da tempo. Ci sono poi due pezzi da segnalare per motivi diversi: Paradise Circus cantata da Hope Sandoval, chanteuse americana di area psichedelica, che si può ascoltare in rete accompagnata da un video davvero affascinante, e l'iniziale Pray for rain con Tunde Adepimbe, nome inpronunciabile del cantante degli americani Tv on the Radio. Mi diverto ad immaginare come potrebbero suonare questo e gli altri nomi del disco in bocca ad Antonella Clerici sul palco dell'Ariston. Ma per i Massive Attack a Sanremo forse c'è ancora da aspettare qualche secolo.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Lolo Giù le mani da mia madre Di Julie Delpy Commedia Francia, 2015 Durante una vacanza, la sofisticata Violette incontra Jean-René, un informatico un po imbranato ma amante della vita. Contro ogni previsione, i due entrano in sintonia e alla fine dell’estate Jean-René raggiunge Violette... Guarda la scheda del film