Magazine Venerdì 15 gennaio 2010

'Le Belleimbuste': il ritorno delle fiabe

Magazine - Le favole vivranno sempre. Chi può smentirle? Bruno Bettelheim, il grande psicoanalista, disse che la fiaba, oltre ad essere come il sogno, «è la forma immaginaria che problemi umani più o meno universali hanno assunto col tramandarsi di una storia attraverso le generazioni». Tutti abbiamo bisogno di trovare un significato alla nostra vita; tra le esperienze più importanti al proposito c'è la capacità del racconto fiabesco di trasmetterci valori, sogni e tradizioni culturali: il retaggio del nostro passato. Perciò la fiaba è formativa.

Ogni fiaba ha una sua morale e queste non sono mai semplici storielle, ma racconti ricchi di verità recondite, che attraverso percorsi psicologici riescono a insegnarci la via per diventare adulti e costruire noi stessi. Sul piano letterario tutti i grandi scrittori, consciamente o no, si sono cimentati nelle fiabe; l'aspetto metaforico della letteratura è quello più importante e fondamentale: è la vera ricchezza del comunicare.

Con questa premessa la fiaba si presta bene ad essere un contenuto per affrontare le nuove frontiere della comunicazione: la favola, vecchia quanto il racconto mitologico, si presta a superare la forma libro classico e diventare un 'Antilibro postgutenberghiano'. A fare questa operazione è stata Luciana Lanzarotti con le sue Le Belleinbusta, che tiene a ricordare il progetto di ecologia culturale del Manifesto dell'Antilibro a cura di Gillo Dorfles, Rossana Bossaglia, Edoardo Sanguineti e Francesco Pirella.

Le Belleinbusta sono un'idea originale: ventotto fiabe da leggere, recitare e spedire; quattro buste di quattro differenti colori, che hanno ognuna al proprio interno sette favole di Luciana Lanzarotti. Le Belleinbusta sono autoprodotte, come si ricordava secondo i dettami del Manifesto dell'Antilibro, stampato con la collaborazione della Tipografia ElleZeta. La busta Bianca colleziona: Il ratto che parlò al gatto - Pipistrellino- L'Orso - L'aglietto- La favola della Spazzatura - L'Extraterrestrico - Il mare in bottiglia.

Di questa busta Bianca, ad esempio, prendiamo la fiaba breve dell'aglietto:
«Un piccolo aglio si domandò perché tutti dicono: 'cattivo come l'aglio' mentre del pane tutti affermano, 'buono come il pane'. Perché? L'aglietto che era di una nuova generazione e voleva fare la rivoluzione si avvicinò al pane e dopo essersi strofinato con quello, un bambino che di lì passò l'assaggiò e disse: 'buoni sto pane e aglio insieme! L'aglietto capì che il buono può trasformare le cose grame in sane».

La Busta Arancione con La Merendina, la Tartaruga alle Olimpiadi, L'Acqua Parlante e altre; poi la Busta Gialla e quella Verde a concludere la originale raccolta di fiabe per tutti. La capacità narrativa di Luciana Lanzarotti è stata quella di saper far parlare, oltre che farfalle, topolini, ortaggi e alimenti anche molti oggetti, come nella migliore tradizione fiabesca. Ma Luciana Lanzarotti non si è limitata a scriverle e in questi giorni è stata nelle scuole per leggerle e farle recitare dai bambini delle scuole elementari. Io che ho assistito alla presentazione, presso la scuola Gianni Rodari di Sestri Ponente, sono stato favorevolmente impressionato: sessanta bambini hanno seguito e partecipato interpretando i vari personaggi delle fiabe con entusiasmo. Prossimamente lo spettacolo delle Belleinbusta sarà alla scuola Giacomo Canepa di Crevari, che insieme alla scuola elementare di Mele e di Fabbriche formano il comprensorio scolastico di Voltri 1. C'è da augurarsi che lo spettacolo, molto didattico e formativo, prosegua per tutti i distretti scolastici della città.

di Giorgio Boratto

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Alps Di Giorgos Lanthimos Drammatico Grecia, 2011 Un gruppo di quattro persone denominato Alps (un'infermiera, un paramedico, una ginnasta e il suo allenatore) offrono, dietro pagamento di un’elevata cifra, un supporto particolare alle famiglie che hanno perso i propri cari. In un clima di annullamento... Guarda la scheda del film