Concerti Magazine Giovedì 17 dicembre 2009

Musica per Natale: da Bob Dylan a Sting

Magazine - Dalla spessa coltre di album natalizi che regolarmente a fine anno ricopre negozi di musica e fornisce ispirazione per regali a tema, si leva un grido di protesta che invoca una moratoria del genere. Almeno un anno senza inni e canti tradizionali, per disintossicarci e togliere dal parabrezza un po' di (finta) neve musicale. L'appello, in cui è facile imbattersi in rete di questi tempi, non potrebbe trovare smentita più decisa dall'andazzo di questo 2009, che sembra non lasciare scampo a nessuno ed imporre il piccolo o grande tributo alla tradizione, con accentuata tendenza ad un avvio sempre più precoce. Erano infatti i primi di ottobre quando addirittura Bob Dylan, fra l'incredulità generale, ha messo il suo timbro roco al servizio dei canti religiosi di Christmas in the heart(Columbia), scambiato da alcuni per una ricaduta nel periodo religioso confessionale dell'artista, ed invece semplice omaggio ad una tradizione che negli Stati Uniti sembra mietere il più alto numero di vittime. A ruota c'è stato Sting con il suo album invernale, If on a winter's night (DG), non strettamente natalizio ma comunque infarcito di carole, inni e rielaborazioni colte in tema con la stagione preferita dal cantante inglese. E poi il solito diluvio di raccolte, antologie, monografie a base di renne e campanelline a cui nessuno, neanche i più irriducibili rappresentanti dell'anticonformismo in musica, riesce a sottrarsi: vedi gli album degli indipendenti Low Chistmas (Kranky) e Bright eyes A christmas album (Saddle Creek) di qualche anno fa, rimessi prontamente in circolazione su internet nelle scorse settimane.

Se proprio devo anch'io pagare il mio tributo al fenomeno, una segnalazione doverosa, anche per prevenire il rischio che passi volutamente ignorata da chi è lesto a fuggire dalla angelica copertina, è quella del recente cd inciso in Francia da Carla Bley e Steve Swallow con il Partyka Brass Quartet, Carla's chrismas carols (Watt/ECM). È bene chiarire che siamo nell'ambito di un jazz semi orchestrale e in piena tradizione del Natale, con tanto di Jingle bells, O Holy Night e altre otto carole natalizie scelte dalla pianista americana, insieme a due composizioni originali . Ma la veste scelta per interpretarle, che coniuga rispetto ed amore per i temi tradizionali a rielaborazioni e fughe dei fiati e del basso di Swallow, hanno la grazia dei momenti migliori orchestrati da Carla Bley e sono in grado di appagare del tutto chi ricerca anche nella tradizione, idee e spunti originali.

Rimanendo in tema pianistico, infine, non un album natalizio, ma un regalo per Natale è quello confezionato da Jason Lytle ex front man del gruppo indie americano Grandaddy, che ha reso disponibili per tutti sul sito Merry Xmas 2009, sette pezzi strumentali per pianoforte per nulla natalizi .

Forse è questo che bisognerebbe chiedere in futuro: non album di Natale, ma album normali regalati per Natale.

Potrebbe interessarti anche: , Mahmood vince Sanremo 2019 con il brano Soldi. Secondo posto per Ultimo, segue Il volo , Sanremo 2019. Testi e pagelle delle canzoni in gara , Sanremo 2019: Zen Circus con L'amore è una dittatura. Testo e pagella , Sanremo 2019: Ultimo con I tuoi particolari. Testo e pagella , Sanremo 2019: Simone Cristicchi con Abbi cura di me. Testo e pagella

Oggi al cinema

Un'avventura Di Marco Danieli Commedia Italia, 2019 Sulle note delle intramontabili canzoni scritte da Lucio Battisti e Mogol, Matteo e Francesca scoprono l’amore, si perdono, si ritrovano, si rincorrono, ognuno inseguendo il proprio sogno: lei vuole essere una donna libera, lui vuole diventare un musicista.... Guarda la scheda del film