Magazine Giovedì 17 dicembre 2009

La storia maledetta di Matilde Serao

Magazine - Brunella Schisa ha un debole per le donne che un tempo la psichiatria giudiziaria definiva "duttili". Aggettivo colorito, e freddamente lombrosiano. Solo che lei - curatrice dei libri per Venerdì di Repubblica - non riesce a non dare ascolto ad un orecchio che pompa poesia a trecento allora. E quindi scrive, deve scrivere di donne che si sono perdute in un gorgo fatale, quello dell'amore che non perdona.


Dopo La donna in nero, storia misteriosa di una donna e del pittore Manet nonché dei quadri che ne vennero come figli dal buio, la Schisa si danna su Dopo ogni abbandono, Garzanti 2009, pagg. 322 dove racconta la storia maledetta, e ancora un poco di più se è possibile, della Contessa Lara. Nome in codice di una delle prime giornaliste donne della letteratura italiana, una che faceva concorrenza a Matilde Serao per intenderci.
Evelina Cattermole, questo il vero nome al secolo, fu protagonista di scandali amorosi sentimentali, scrisse e collaborò a decine di riviste alla fine dell'ottocento (Cronaca Bizantina, Il Fanfulla della Domenica ed altre) quando scrittori come Gabriele D'Annunzio avevano già incendiato una Roma furoreggiante di cipressi e donne in deliquio splendido con Il Piacere. La sua vita venne troncata da uno dei suoi spasimanti, Giuseppe Pierantoni, che la assassinò la sera del 30 novembre del 1896 con un colpo di rivoltella. Talmente insidioso ed a bruciapelo da attingere un punto troppo vitale per essere operato in tempo oppure con una fondata speranza chirurgica di poter fare bene.

La Schisa è una burattinaia delle emozioni nel senso che per renderle più potenti e manifestarle con la cera lucida dell'epoca, prende come protagonista e voce narrante un giovane medico il quale lascerà la chirurgia per amore e per la letteratura. Il dott. Fabrizio Parboni è un giovane chirurgo drogato di Keats e libri di poesia, che vede amore dove magari non ce n'era mai stato.

La sua inclinazione romantica, molto foscoliana, lo porterà per destino e per passione ad essere il medico che nella notte fatale della sparatoria si troverà nelle mani il corpo della scrittrice. Tarda a denunciare l'episodio e convoca chirurghi di fama ed a lui superiori l'indomani, quando ormai la ferita è divenuta inoperabile. La donna muore e lui perde il senno e consuma una carriera da chirurgo come una falena le ali alla fiamma.
La voce narrante di Fabrizio è perciò una voce ulcerata, eco diretta di chi aveva anche un preciso interesse di giustizia in quella storia, tanto da essere tirato in ballo dall'avvocato della difesa, stupendo oratore alla ricerca di una concausa plausibile che potesse attenuare la colpevolezza del proprio assistito.

Il romanzo è diviso in parti che vanno dal colpo di pistola, al processo, fino ad un epilogo in cui un colpo di scena ci viene inferto quando si pensava che i giochi fossero già quelli svelati. Il colpo di pistola viene esploso a novembre ed il processo si celebra nel novembre dell'anno successivo.

La nota dominante è la discesa dentro il clima di un'epoca come se la Schisa fosse abituata a camminarci dentro. Roma è effettivamente quella di fine ottocento ed il processo è reso come una volta il rito accusatorio imponeva:poche prove raccolte in istruttoria da un giudice che sembrava un pubblico ministero, e grandi orazioni durante il dibattimento, anzi memorabili discorsi che avevano la forza di commuovere le folle e funzionavano da moral suasion verso una tesi o l'altra.

La Schisa lascia ampio spazio alla fine dell'Ottocento per far parlare i propri personaggi con una scaltrezza linguistica che non fa sentire pesantezza alcuna. E racconta una storia che tenne sulle spine mezza Roma e mezza Italia ricordando come una volta il gossip fosse anch'esso un grande motore di natura sociologica. Minori i mezzi di informazione, nel senso quantitativo, ma esattamente pari ad oggi il clamore che un assassinio per amore poteva montare su tutte le coscienze. Non è cambiata nulla da allora, l'amore e le passioni sono motori che fanno inturgidire le coscienze e fanno acquistare le copie dei giornali. Non c'è niente di nuovo sotto il sole. Ma allora perché condanniamo tanto il presente?

Questo libro può funzionare a capire D'Annunzio, Capuana, Benedetto Croce molto più di tanti libri scolastici perché si vede che è stato scritto con un cuore spaccato esattamente a metà:il rigore storico da una parte - che porta la Schisa nei ringraziamenti finali - a non ringraziare l'emeroteca della Biblioteca Nazionale per la illegibilità dei suoi microfilm, e la volontà di amare sopra ogni altra cosa la letteratura, quella per cui una volta ci si feriva in duelli all'alba o si scrivevano romanzi capaci di infuocare le vite degli altri.

Di questo - secondo me - va dato atto ad una giornalista che sempre di più va ringraziata per usare la parola scritta con quella poesia che gente come Volo ci sta facendo dimenticare con centomila copie a botta di libri di cui abbiamo la nausea e che durano quanto la carta del panettiere. Lo volete capire o no?

di Alberto Pezzini

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

The End? L'inferno fuori Di Daniele Misischia Thriller 2017 Claudio è un importante uomo d'affari, cinico e narcisista. Una mattina, dopo essere rimasto imbottigliato nel traffico delle strade di Roma, arriva finalmente in ufficio nonostante il notevole ritardo, ma rimane bloccato da solo in ascensore a... Guarda la scheda del film