Magazine Lunedì 7 maggio 2001

Matteo Galiazzo: dopo la carne il rutto

Non fidatevi della carta d’identità di Matteo Galiazzo. Perché c’è scritto che è nato a Padova nel 1970. Uno si aspetta un giovane scrittore, magari con tendenze splatter, un po’ cannibale, insomma, e con l’accento veneto.

Poi scopri che è da quando ha un anno che vive a Genova e che del cannibale non ha assolutamente nulla, se non l’esordio nell’antologia (Einaudi Stilelibero, 1996). È pacato e gentile, forse un poco timido. Sicuramente modesto. Può anche capitare che ti dica che sì, la letteratura è utile sul piano umano, ma non risolve certo dei problemi. Insomma, che è meglio non interrogarsi troppo sulla sua utilità.

“Quando ho cominciato a guardarmi in giro per pubblicare su alcune riviste, mi ha colpito il per l’approccio che aveva nei confronti della letteratura: la prendevano molto bassa. Sai, io ho fatto ragioneria, non sono un intellettuale.
Così ho cominciato a inviare i miei racconti. Era l’inizio degli anni ’90, e la rivista era poco più che un insieme di fotocopie. Poi sono passato a far parte della redazione: ci siamo costruiti una fama, magari anche di “stronzi”, perché avevamo gusti difficili e poi perché abbiamo fatto dei numeri molto belli. Questo era possibile perché non chiudevamo un numero fino a che non avevamo tutti racconti buoni. Per questo avevamo una periodicità irregolare. Molto irregolare”.

Ora il Maltese ha spiccato il volo tra le accoglienti braccia della Holden (vedi Leggi l'articolo ) e ha una cadenza fissa. Anche Galiazzo è diventato “grande”. Ormai è uno degli scrittori più affermati della nuova generazione, con due libri pubblicati da Einaudi ( e ).

Cosa ti sentiresti di consigliare a un aspirante scrittore che voglia tentare l’avventura?
“Ti dirò… va tutto bene. Nel senso che prima o poi, comunque, trovi qualcuno che apprezzi quello che fai. Secondo me l’importante è non fare mai della cronaca: se oggi parli di clonazione, o hai qualcosa di veramente interessante da dire, o rischi di trovarti superato troppo in fretta. Poi è fondamentale trovare una lingua con la quale esprimersi bene, in cui trovarsi a proprio agio.
Personalmente non amo molto gli scrittori “secchioni”, quelli che devono far vedere quante cose sanno, come sono bravi. Uno alla Tiziano Scarpa, per intenderci: lui può permettersi di fare certe cose perché le fa bene, negli altri diventano puro esibizionismo”.

Cargo è del 1999. A quando il tuo prossimo lavoro?
“Intorno a ottobre. È un romanzo e si intitolerà Il rutto della pianta carnivora. È un omaggio a Tim Burton e a Mars Attack, ambientato a Genova. Poi uscirà anche un racconto in un’antologia della Litteralia, Racconti rubati. Ci hanno chiesto di riscrivere Cortazar”.

Una cover. Non è la prima che fai: ultimamente hai partecipato all’operazione radiofonica di riscrivere Cuore di De Amicis. Come ti sei trovato?
“Bene, non avevo mai letto Cuore: è retorico, questo lo sanno tutti, e quindi non mi sono stupito. Ma l’operazione di riscrittura mi piace molto, ti toglie delle responsabilità nello stendere la trama. Ti concentri solo su alcuni aspetti della scrittura: è un po’ come fare le parole crociate facilitate”.

Che tipo di lettore sei?
“Mi piacciono molto i libri con un sacco di pagine. Purtroppo escono romanzi sempre più corti. Anch’io mi sento un po’ colpevole, come autore, perché seguo questa tendenza, ma scrivere tanto è faticoso”.
di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Un affare di donne Di Claude Chabrol Drammatico Francia, 1988 Guarda la scheda del film