Magazine Mercoledì 9 dicembre 2009

«Non mi ama più e io non so cosa fare»

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Mi chiamo Gabriele, ho 41 anni, come mia moglie. Circa un anno fa abbiamo avuto una crisi, quando ho scoperto che lei aveva scritto ad un amico comune che non mi ama più, che se non ci fossero le nostre due figlie non sarebbe più assieme a me e che io ho solo difetti. Dopo una bella litigata abbiamo deciso di comune accordo di riprovarci e per qualche mese era tornato tutto normale, o almeno così io lo vedevo. Da qualche tempo lei si è riallontanata e per un periodo di qualche settimana non le ho detto niente, mi limitavo a studiare la situazione.
Poi però vedendola sempre più distaccata ho affrontato il problema e la sua risposta è stata che in quei mesi io non avevo fatto niente di sbagliato, anzi, ma lei dice che non riesce ad amarmi, non sa se mi potrà amare ancora e che adesso vuole solo pensare a se stessa, chattare con amici al computer (ci passa una media di 6 ore al giorno ed io vedo che è diventata una fissazione) e non avere pensieri. Premetto che abbiamo avuto vari litigi anche prima, ma li ritengo normali dato che ci eravamo sempre ritrovati. Io le ho detto che la amo, che è la cosa più importante della mia vita (7 anni fidanzati e 10 di matrimonio), ma lei mi risponde che non sa che dirmi e che io non accetto il fatto che non mi ama più. Ma come si puo smettere di amare una persona così, come spegnere un interruttore? Dopo tutto quello che abbiamo costruito con fatica assieme, è giusto buttare tutto nel gabinetto? Non so come comportarmi con lei, perché sono sicuro che la sua scelta è sbagliata, ma non capisco se sono sicuro solo io, dato che le sue risposte sono tanti "non so". Una parte di me dice di aspettare, mentre un'altra dice che vuole delle risposte, però non voglio forzarla. Io se dicessi a mia moglie che non la amo più, lo farei solo se ne fossi veramente convinto. Come capisco se la cosa è passeggera o definitiva?
Salutoni Gabriele68


Caro Gabriele,
hai ragione. Se dicessi a una persona "non ti amo più" ne saresti convinto e forse te ne andresti. Il forse riguarda le figlie, naturalmente. Così si deve fare. A meno di scegliere di rimanere formalmente insieme, ma con regole diverse. Scelta da fare in due. Sono pienamente d'accordo con te. A parte un paio di ovvietà che tuttavia vanno prese in considerazione. La prima è che succede proprio così, non ci si disamora mai contemporaneamente, né sempre ci si innamora contemporaneamente. Uno si disamora per i motivi più diversi e l'altro rimane innamorato. È una dura, odiosa e dolorosa legge della vita. Di quelle che non si possono combattere. Mentre si può tentare di contrastare, invece, la seconda ovvietà, cioè la famosa "crisi dei quarant'anni", che pare disorienti parecchio le donne oggi. Un tempo a quarant'anni una donna aveva già figli grandi, magari era nonna e non dava più gran peso alla seduzione. Oggi non è così, un po' per via degli stimoli esterni che non mancano, un po' perché sembra siamo obbligati a essere sempre giovani. Che dirti, vi siete messi indieme a poco più di vent'anni, non so con quanta esperienza alle spalle, forse tua moglie vuole recuperare qualcosa che non ha avuto prima, ma ha la delicatezza di non dirtelo in faccia. Quindi forse è uno stato d'animo passeggero, anche se destinato magari a durare più a lungo di quanto tu possa sopportare. E, in effetti, quanto sei disposto a sopportare? Provando magari a lasciarla libera, attaccata al suo schermo, a aspettare l'inevitabile passaggio dal virtuale alla vita vera? Che, come puoi immaginare, è quasi sempre molto deludente. Proprio grazie al virtuale, che scatena la fantasia al punto che la realtà non sarà mai all'altezza. Ti basta questa piccola sicurezza? Perché quello che dovresti fare sarebbe comprare un bel paio di letti gemelli o spostarti in un'altra stanza se ce l'hai, fine degli approcci, convivenza piacevole e civile, ma niente di più, niente ostilità, niente recriminazioni, ma neppure la sicurezza di quello che ti aspetta a casa ecc. Dovresti darle quello che crede di volere: la libertà. È un grande rischio, ma i compromessi si fanno in due, tua moglie non accetta condizioni e detta legge. Impossibile uscirne in questo modo.

Auguri, Gabriele,

Antonella

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Darkest Minds Di Jennifer Yuh Nelson Fantascienza U.S.A., 2018 Dopo che una malattia sconosciuta ha ucciso il 98% dei bambini, il 2% dei sopravvissuti sviluppa misteriosamente dei superpoteri. Proprio a causa delle loro straordinarie abilità, i ragazzi vengono dichiarati una minaccia dal governo e rinchiusi in campi... Guarda la scheda del film