Magazine Martedì 24 novembre 2009

Si può perdere la testa per il capo?

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Cara Antonella,
la mia sarà anche una storia banale e come tante altre ma io veramente non ci capisco niente! Non so cosa fare, come comportarmi. Mi piacerebbe sentire qualche parere, consiglio. Io ho 20 anni abbondanti, lui 15 più di me, ci siamo conosciuti alcuni anni fa per lavoro (è il mio capo) e lui qualche mese dopo si sarebbe sposato. Da subito, sia con lui che con quella che è diventata sua moglie, si è instaurato un rapporto d'amicizia, ma dopo un paio di mesi mi ha confessato di provare una certa simpatia nei miei confronti. Inizialmente pensavo ad uno scherzo, insomma sembrava talmente preso dalla sua donna che era impossibile che si accorgesse di me. Così gli dissi che non ci sarei cascata e lui mi disse che era meglio così, sarebbe stato tutto un casino. Col passare del tempo, dai suoi silenzi, dall'imbarazzo che sentivo tra noi e che leggevo nei suoi occhi, ho capito che parlava seriamente e due giorni prima del suo matrimonio mi chiede di uscire con lui per poter parlare di questa situazione. Ovviamente rifiuto, non sarebbe stato corretto nei confronti della moglie, ma lui continua ad insistere, diceva di essere attratto da me, di desiderarmi, di volermi bene, che avrebbe voluto che ci fossimo conosciuti prima, così forse sarebbe stato tutto diverso. Io penso:sarà una crisi prematrimoniale, la paura di un legame così forte, o forse vuole solo divertirsi prima di entrare in un rapporto dal quale non potrà più uscirne. Ero molto combattutta, volevo lasciare il lavoro, non volevo essere una tentazione per lui, ma ho stretto i denti e sono andata avanti pensando che prima o poi gli sarebbe passata. Beh sono passati 5 anni e lui continua a corteggiarmi, a farmi sentire desiderata anche solo con uno sguardo, mi fa sentire donna. Il problema è che dopo un po' tutto questo ha iniziato a piacermi, lui ha iniziato a piacermi. Il suo odore, il suo sguardo, il modo in cui mi parla e mi sfiora. In quei momenti non capisco più niente. Non so se sia amore oppure no ma so che mi piace tanto e che nessuno mi ha mai fatto provare le emozioni che mi fa provare lui!! Voglio precisare che tra noi non c'è mai stato niente ed io ho cercato di non fargli mai capire quanto fossi interessata a lui perché ho paura di quello che può succedere, delle conseguenze.
Non è da me perdere la testa per l'uomo di un'altra, va contro tutto quello in cui ho sempre creduto, come posso rovinare una famiglia? A volte invece penso che forse dovrei essere solo un po' più egoista e una volta tanto pensare solo alla mia felicità. Lo so che è sbagliato, ma cosa devo fare?


Cara anonima,
lo sai perfettamente e hai soltanto bisogno di una conferma. Devi cercare di cambiare lavoro, perché prima o poi finirà male. Il tuo capo ha 15 anni più di te, basta questo -ahimè- a far perdere la testa a un uomo. Solo che lui l'ha persa a metà. Perché si è sposato nonostante tutto. Una persona più coraggiosa, più onesta intellettualmente, si sarebbe fatta le domande del caso: aveva quattro mesi pensarci. Non si sarebbe servita del pretesto di una sbandata, o cotta, o "innamoramento" per andare in crisi. E, visto che evidentemente è un tipo generoso, al quale piace abbondare, rimanerci per i cinque anni successivi. Se guardi la tua storia da questo punto di vista, che non è cinico, è solo esterno e non coinvolto, avrai tutte le conferme che cerchi. A lui piace così, mai mollerebbe la famiglia -non è che nel frattempo si sia anche riprodotto?- e di sicuro scaricherebbe te se cominciassi a rappresentare un problema o un rischio.
Ricordati che c'è in ballo anche il lavoro. E non fidarti, assolutamente. Soprattutto in un periodo di crisi come questo. Stai facendo l'acrobata su una fune sottile sottile, l'equilibrio è davvero precario, muoviti solo per andare via. Avrai notato che ho modificato alcuni dati, l'ho fatto per tutelarti. A meno che la tua mail fosse un messaggio diretto a altri, in questro caso tutelo gli altri in questione. Ti auguro un nuovo lavoro e un uomo con cui crescere, non uno che "ti cresca". E' più faticoso, ma infinitamente più formativo, oltre che incantevole.
Ciao,
Antonella

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Animali fantastici e dove trovarli Di David Yates Fantastico U.S.A., Regno Unito, Palestina, 2016 1926. Newt Scamander ha appena terminato un viaggio in giro per il mondo per cercare e documentare una straordinaria gamma di creature magiche. Arrivato a New York per una breve pausa, pensa che tutto stia andando per il verso giusto…se non fosse... Guarda la scheda del film