Magazine Venerdì 20 novembre 2009

'La ballata dell'amore salato'

Intervista a Roberto Perrone

Magazine - A leggere le sue cronache sportive sul Corriere della Sera, si nota sempre, attraverso il mestiere, la passione: quella di chi scrive e quella di chi è descritto. Come se il punto fossero le persone, più che i fatti.
Roberto Perrone, rapallese di nascita, milanese d'adozione e redazione, si porta appresso alla penna i suoi amori, come ogni giornalista sogna di fare: lo sport, la cucina, i viaggi. E da quando, nel 2003, ha pubblicato il primo romanzo (Zamora, Garzanti), quegli amori - tra tutti il pallone - lo accompagnano anche nella narrativa.

Il suo ultimo libro, La ballata dell'amore salato (Mondadori, 18 Eu) - sulla cui copertina azzurra una coppia elegante si bacia in riva al mare, come in un quadro di Jack Vettriano - raduna una volta di più quelle passioni, e lo fa sul piano inclinato del secolo breve, attraverso i decenni, tra le colline e i porti di Genova.
Protagonista Girolamo Moggia, figlio d'un ciabattino e d'un infanzia povera, di collina, tra otto fratelli. Il libro percorre la sua vita, avanti e indietro, tra la guerra delle nazioni e quella dell'anima: la moglie è morta da poco, ma Girolamo ha scoperto qualcosa, e ora non ne sopporta neppure il ricordo. Saranno un derby leggendario e l'eco d'un gol genoano (di Branco, correva l'anno 1990) l'epifania che segnerà la pace.

Abbiamo intervistato Roberto e gli abbiamo chiesto per prima cosa quanto di autobiografico ci sia nel libro.
«Il protagonista mi somiglia poco, con la sua assenza di paura e l'orgoglio della solitudine. Il personaggio mi serviva per il messaggio che volevo dare: nella vita, per quanto uno si assegni un sistema di regole, le sorprese sono sempre in agguato, quindi ogni schema è inutile.
C'è invece molto dei miei ricordi nelle situazioni e nei luoghi di cui racconto. Per esempio quando Girolamo da ragazzino vomita a causa dell'auto: capitava anche a me. Mio padre mi portava in auto al paese e io vomitavo. Anche la passione del protagonista per il ballo deriva da mio padre: era un grande ballerino di valzer, tango e mazurka».

Nel tuo romanzo il calcio è definito la terza passione, l'unica sopravvissuta, dopo la moglie e il ballo. Come si intreccia l'amore per il calcio con gli altri grandi amori della tua vita?
«Dopo 30 anni che giro il mondo scrivendo di calcio e vedendo di tutto, diciamo che la passione è un po' calata. Era formidabile quando ero un ragazzino. In televisione guardavo perfino le partite della serie B elvetica sulla televisione svizzera, ma ero pure uno dei tanti figeou che calpestava i campi della provincia, tra sfide di paese e tornei universitari. Oggi per me il calcio è soprattutto trovare il tempo per andare allo stadio con mio figlio, che per qualche scherzo del destino è diventato genoano come me. Quest'estate, durante le vacanze, siamo andati a vedere la prima partita europea del Genoa. Per il resto, la lettura e la scrittura, ma anche la cultura gastronomica, sono diventati più importanti del pallone. Anche se da vecchio tifoso sono sempre contento quando la squadra va bene».

C'è un derby che ricordi più degli altri perché ha avuto un ruolo particolare nella tua vita, come accade con quello del 1990 al protagonista del tuo libro?
«Sì, c'è. Era il 13 marzo del 1977, compivo vent'anni il giorno dopo. Vincemmo 2-1 in rimonta, con gol di Damiani e Pruzzo, che sbagliò anche un rigore.
La domenica andavo spesso a pranzo con mia madre da mia zia, in via Asiago. A fine pasto io e la zia scendevamo le scalette e andavamo allo stadio. Quella volta a pranzo c'era pure mio padre, e mia zia aveva un biglietto in più per il derby. Ma alla fine allo stadio ci venne mia madre, alla quale del calcio non era mai importato nulla, e probabilmente non aveva mai visto una partita. Mi ritrovai a vedere quel derby nella Nord tra mia madre e mia zia! E non un derby qualsiasi: non sono uno grande esperto di statistiche ma credo che fu l'ultimo che vincemmo proprio fino a quello del 1990».

di Giorgio Viaro

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

La casa delle bambole Ghostland Di Pascal Laugier Horror 2018 Pauline e le due figlie adolescenti, Beth e Vera, ricevono in eredità una vecchia villa piena di cimeli e bambole antiche che rendono l'atmosfera tetra e inquietante. Durante la notte, due intrusi penetrano nella casa e prendono in ostaggio le... Guarda la scheda del film