Magazine Mercoledì 14 ottobre 2009

Mirella Bolondi, 'Terra di Silenzi'

Magazine - Il silenzio, quello che avvolge il mondo dei sordi, è raccontato e vissuto attraverso una storia fantastica da Mirella Bolondi nel libro Terra di Silenzi (Zephyro Edizioni, 2008, 152 pp, 15 Eu). Con gli incontri e i viaggi noi attraversiamo il mondo e insieme lo conosciamo dando un senso alla vita. Mirella Bolondi in queste pagine ci rende partecipi di un incontro e un viaggio fatto in prima istanza all’interno di noi stessi e delle nostre paure.
L’incipit di questo lungo racconto proietta in una dimensione che pare già conosciuta; ma ascoltando questa Terra di Silenzi - sembrerebbe un paradosso- ci accorgiamo che chi vuole sentire ha tutto un mondo da scoprire. Per parlare della sua esperienza di figlia nata da genitori sordomuti, Mirella Bolondi usa il racconto fantastico: la sua vita vissuta diventa così una poetica trasposizione in un mondo di sogno, verso un tempo dove anche la più piccola cosa è una annaffiatura di vita.

Diverso tempo fa conobbi un cieco che mi disse di essere contento di non essere sordo, poiché aveva sviluppato, con la mancanza della vista, il potere dell'ascolto: non era traviato da immagini che spesso distolgono dall'essenza del dialogo. Si sentiva ricco di questo sapere ascoltare. Ora, grazie al libro Terra di silenzi, conosco una nuova ricchezza, un mondo che ad una mancanza sopperisce altre doti, altre strade, che conducono sempre all'umanità e alla sua anima. Allora, quello che a noi potrebbe sembrare una comunicazione difficile, per la mancanza del suono della parola, con il mondo dei segni, con il linguaggio dei gesti la relazione si alimenta di nuove emozioni.

Protagonisti del libro sono un anziano residente in una casa di riposo - il narrante in prima persona - che si trova catapultato in un paese dove vive il popolo dei senza orecchie, l'amico e guida Mente-che-vola, la giovane donna Foglia-che-danza-nel vento e un bambino.
In quello strano paese, grazie al racconto di Mirella Bolondi entriamo, fra l'altro, nel mistero della nascita dei nomi. Non so se avete mai pensato a come si è riusciti a catalogare tutte le cose che ci circondano; a declinarle poi nelle numerose lingue. Casa, libro, bottiglia... da cosa derivano? Cosa contengono quei suoni? Questo stesso procedimento lo vediamo affrontare con dei gesti, con disegni: le mani, erano matite di un corpo che tentava con ogni mezzo di parlare. Parlare disegnando l'aria. Disegnare, tentando di esprimere emozioni. Emozionare, cercando di comunicare. Ecco l'emozione, questa è la molla che ha portato a scegliere un elemento essenziale per catalogare una cosa. Ogni cosa.
Mirella Bolondi racconta questo con poesia: Nome erano due dita della mano destra che battevano sul palmo dell'altra un colpo secco... come un'etichetta appiccicata addosso, pensai, o un marchio per sempre.
Una storia piena di suggestioni e ricca di metafore.

di Giorgio Boratto

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Most Beautiful Island Guarda la scheda del film