Magazine Martedì 13 ottobre 2009

Premio Città di Moncalieri a Giorgio Ansaldo

Magazine - Storia del grande amore tra un carbonaio genovese, una sorta di Rosso Malpelo, e un aristocratico ex seminarista, sorto nel contesto storico dell'impresa dei Mille, rievocata senza toni agiografici, con una linea narrativa limpida , tramite un racconto dissacrante e con notevole penetrazione psicologica.
Con questa motivazione la Giuria del Premio letterario internazionale "Città di Moncalieri" ha attribuito allo scrittore genovese Giorgio Ansaldo il secondo premio per la sezione romanzi editi a Sangue garibaldino, terzo romanzo di Ansaldo pubblicato nel 2008 da Fratelli Frilli Editori.

La premiazione si è svolta Domenica 11 ottobre nella cittadina piemontese , alla presenza di rappresentanti del mondo letterario nazionale, fra i quali Giorgio Barberi Squarotti, insignito del Premio Saturnio 2009" per l'arte, la cultura e lo spettacolo.

Giorgio Ansaldo ha ricevuto premio e motivazione con il legittimo orgoglio di chi ha creduto tenacemente in un progetto in origine apparentemente bizzarro. "Alternare la ricostruzione storica ed i modi del romanzo ottocentesco ad una struggente storia di amore fra uomini ambientata fra le fila dell'esercito garibaldino poteva sembrare un impresa disperata - spiega l'autore -, ma non mi sono scoraggiato. Davvero non mi aspettavo questo riconoscimento e la sorpresa è stata completata dalla lettura di alcune pagine del mio libro da parte dei bravi attori presenti alla cerimonia: ho sentito trasformarsi le parole scritte in qualcosa di diverso e non più soltanto mio".

La Giuria del premio ha apprezzato in modo particolare la descrizione della Genova di metà Ottocento, in cui si svolgono gran parte delle vicende narrate, e l'amalgama fra i personaggi storici e quelli immaginari, sottolineando la rilevanza del messaggio contro tutte le guerre sotteso al culmine della vicenda narrata.

Se ogni scrittore, piccolo o grande che sia, può definirsi un "costruttore di mondi", Giorgio Ansaldo, impastando storia e fantasia, amori e violenze, luoghi e personaggi sullo sfondo della storica impresa ha creato uno strano ma affascinante microcosmo da visitare come fossimo viaggiatori nel tempo, con lo sguardo sospeso fra passato e presente e l'attenzione alla eterna materia del sentimento.

di Andrea Baroni

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Ieri, oggi, domani Di Vittorio De Sica 1963 1) Adelina: sigaraia napoletana sforna figli a ripetizione per evitare il carcere per contrabbando. 2) Anna: ricca milanese flirta con poveraccio. 3) Mara: squillo d'alto bordo si invaghisce di seminarista, ma poi si pente. Guarda la scheda del film