Weekend Magazine Venerdì 14 agosto 2009

Sagra del Raschera e Bruss a Frabosa Soprana

Magazine - Non è il caldo che accende i miei ricordi di latino: sto parlando di un poemetto di un professore di Mondovì, un esercizio di retorica, targato 1792, che descrive minutamente tutti i marmi locali, dando preziose informazioni anche sulle cave attualmente estinte, di cui si sono anche perse le tracce.
Già, perché il sottosuolo monregalese è assai interessante, e non solo per il suo imponente sistema carsico; è stato - ed è ancora - ricco di minerali: miniere di alluminio, argento ed oro - attualmente in disuso - in val Corsaglia, di ferro in Val Maudagna, e tante formazioni marmoree un po’ ovunque.
Notevole la ricchezza dei loro colori: nero, grigio, bianco, rosa violaceo, giallo, rosso vinato, rosso sbrecciato, bianco-verdino.

L'area estrattiva si estende tra le valli del Pesio e del Tanaro e particolarmente in Valle Casotto, Corsaglia, Maudagna; solo tre cave sono attualmente coltivate: due a Frabosa ed una ad Ormea, e le produzioni al momento si aggirano sui 1000-2000 metri cubi annui di materiale di prima scelta, oltre a blocchi da scogliere e materiale da graniglia.
Già sfruttati in epoca romana, utilizzati per elementi decorativi di piccole dimensioni, tra il XVII e il XVIII secolo i giacimenti marmorei ebbero grande espansione. Nero e Bigio di Frabosa decorano interamente, ad esempio, la Cappella della Sindone a Torino, insieme ai marmi policromi di cave più piccole delle Valli Corsaglia e Casotto. Il Verzino di Frabosa, poi, si trova abbondantemente usato nel Duomo di Mondovì, al Santuario di Vicoforte, al Regio di Torino, al Valentino, a Racconigi, a Palazzo Madama.

Quindi il marmo frabosano ha ispirato l’arte, in passato. E adesso? Ora ispira la gastronomia, che è anche una forma d’arte.
Hanno ideato addirittura un formaggio, che ha appunto lo stesso nome del marmo, e come esso è delicatamente venato di verde. Il Verzino non è il solo prodotto caseario della zona, naturalmente: il 15 e il 16 agosto potrete anzi gustarli entrambi alla Sagra della Raschera e del Bruss di Soprana.
Star delle due giornate è naturalmente il Raschera, che prende il suo nome dall'omonima Alpe, presso il Monte Mongioie (2630 metri) ed è prodotto con latte bovino, cui può essere aggiunto latte caprino oppure ovino per esaltare il gusto piccante, in due forme: quadrata - da 7 a 10 Kg di peso - e rotonda - da 5 a 8 Kg.
La Confraternita che lo tutela si è attivata quasi trent’anni fa per farne riconoscere le due tipologie: quello che si può produrre sull'intera provincia cuneese (Raschera tipico) e quella d'alpeggio, prodotta e stagionata ad altitudini superiori ai 900 metri nei soli comuni di Frabosa Soprana, Frabosa Sottana, Garessio, Magliano Alpi, Montaldo Mondovì, Ormea, Pamparato, Roburent e Roccaforte Mondovì.

E il Bruss cos’è? Eh, quello non si spiega: bisogna proprio assaggiarlo. Se avete palati delicatini, abituati solo ai formaggi dietetici, lasciate perdere. Il Bruss, come suggerisce il suo nome, è un po’ forte, ruvido, saporito e piccantino.
Mai fidarsi delle apparenze: sembra un’innocua ricotta.

Oggi al cinema

Zanna bianca Di Alexandre Espigares Animazione Francia, Lussemburgo, U.S.A., 2018 L’avventura che ha emozionato intere generazioni, per la prima volta in una straordinaria animazione anche in 3D. Guarda la scheda del film