Magazine Venerdì 7 agosto 2009

«60 sms al giorno: saranno amanti?»

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Mia moglie ha sentito via sms un altro per mesi, poi l'ho scoperta e lei ha detto che era solo un amico con cui si scriveva, ma l'insistenza era tale (anche 60 sms al giorno a testa) che mi fa pensare ad una relazione.
Lei non ha molto tempo libero in quanto tra lavoro, casa e figlia non c'è molto spazio, ma a volte basterebbe un'ora ogni tanto. Ho cercato in tutti i modi di sapere cosa si dicevano in tutti questi sms e telefonate, ma lei non vuole e dice che dobbiamo andare oltre e dimenticare, la sua sola risposta è che «parlano di tante cose, di cazzate».
Mi ama e ne sono sicuro, perché me lo dimostra, ma vorrei sapere se con questo ha avuto rapporti o è stato solo una distrazione, una trasgressione o uno sfogo. Probabilmente credo di averla trascurata in passato.


Cosa deve fare? Bella domanda.
Credo che la prima cosa da fare sia cercare di capire come stanno le cose e come ci siete arrivati.
E per farlo bisogna sedersi tranquilli, senza nessuno intorno, avere un po' di tempo e prenderla alla larga. Per esempio: cosa intendiamo per tradimento? Sesso? Intimità? Ideali? Cos'è questo tradire, e che valore ha per noi e per gli altri? Stessa cosa per la relazione: ovvio che era una relazione, un po' meno ovvio capire che differenza c'è tra sfogo, distrazione, trasgressione e rapporti (immagino carnali), come se gli altri fossero meno importanti o gravi.

Anche su quel «lei mi ama» ci sarebbe da capire cosa significa, e se anche lei ama sua moglie e in che modo. E se davvero ve ne accorgete. Poi dovremmo avere il tempo per capire quanto questa nuova esigenza di essere in contatto con qualcuno sia una moda o un tentare di riempire un vuoto che non dovrebbe esserci, tanto che basta l'illusione di uno scambio (forsennato?) di sms. Paura? Ansia di tradimento? Se sì, di chi e verso chi? O forse dovremmo capire come mai ci facciamo prendere la mano dal vortice della vita e trascuriamo le persone che ci stanno accanto. Così come spesso trascuriamo anche noi stessi. E se pensiamo a tutte queste cose e le mettiamo assieme, potremmo arrivare a scoprire che sono facce diverse dello stesso problema.

Che abbiamo perso il senso di quello che siamo, di quello che vogliamo, dello stare assieme e dello starci bene. Cose così grosse che non si possono chiudere in due righe. Ma bisogna pensarci, e magari pensarci assieme, perché in ogni caso 60 sms al giorno sono troppi. Mangiare 60 grissini al giorno è troppo. Lavarsi le mani 60 volte al giorno è troppo. Ridere, piangere, arrabbiarsi o fare all'amore 60 volte al giorno è troppo, e anche 60 «cazzate» al giorno sono troppe.

Credo che di questo lei, ma ancora più, sua moglie, si dovrebbe preoccupare. Qualsiasi cosa fosse era fuori misura, fuori controllo, e questo vuol dire che qualsiasi cosa fosse, nessuno sapeva veramente cos'era. E questo non è bello.
Cosa fare?
Capire.
Capirsi.

E poi, dopo essere stati seduti a riflettere, alzarsi e cambiare modo di stare assieme.
Magari basta poco, se è fatto bene.
Saluti,
Ventura

* psicoterapeuta

di Marco Ventura *

Potrebbe interessarti anche: , «Il mio ragazzo guarda film porno, ma non fa sesso con me» , Paura di sposarsi: i dubbi di una ragazza, la risposta dello psicologo , «Ho chiamato il mio compagno con il nome del mio ex: Cosa c'è che non va?» , Una donna ossessionata dal pensiero di essere lesbica chiede aiuto: il consiglio dello psicologo , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre

Oggi al cinema

Un piccolo favore Di Paul Feig Drammatico 2018 Ho bisogno di un piccolo favore. Mi puoi prendere Nicky a scuola? È questa la semplice, comune richiesta che l'affascinante Emily fa alla sua nuova amica Stephanie, prima di sparire senza lasciare traccia. Mamma single tuttofare, vlogger per passione... Guarda la scheda del film