Magazine Giovedì 30 luglio 2009

Se il destino è contro di me peggio per il destino

Magazine - Merita rispetto Vincenzo Russo. Lo merita perché, come ci racconta in questa autobiografia dal titolo testardo, Se il destino è contro di me peggio per il destino (Mursia, 174 pagg., 12 Eu), pur avendo un handicap fisico dall'età di tre anni e provenendo da famiglia disagiata, riesce pian piano ad inserirsi nella società, a trovare un lavoro, a laurearsi ed insegnare all'interno dell'Opera Don Gnocchi.

Lo seguiamo appunto in una fugace visita al Gaslini nel '54, all'età di quattro anni, e poi quando viene inserito all'interno degli istituti creati da Don Gnocchi e ivi forzatamente quasi abbandonato dalla famiglia, costretta ad emigrare in Svizzera e a badare agli altri figli.
In questi istituti, dapprima chiusi e poi man mano più aperti alla società, Russo ci abiterà fino al '76 e si capisce come lui, che si definisce credente ma con dubbi, li veda di fatto come la sua vera famiglia che lo ha cresciuto e forgiato ed abbia per il fondatore, Don Carlo Gnocchi, una ammirazione quasi sconfinata.

Una vita certamente non facile, quella di Russo, e, per l'appunto, onore e rispetto a lui per quello che è riuscito a diventare partendo da una condizione non facile.

Tuttavia il libro non è esente da alcune pecche. Intanto il rivolgersi al fratello morto come se gli stesse scrivendo delle lettere, se da un lato permette un tono confidenziale, dall'altro impedisce un identificarsi del lettore in ciò che scrive Russo.

Secondariamente appare francamente un po' agiografica la figura di Don Gnocchi, che peraltro l'autore non ha conosciuto di persona, e la vita in quegli istituti viene descritta usando spesso il filtro deformante dei ricordi della propria gioventù.

Forse il vero valore del libro risiede nella testimonianza personale di Russo di come fosse difficile, in quegli anni non lontani, vivere con un handicap e di come la società italiana mal - trattasse i disabili.

di Enrico Carrea

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Il castello di vetro Di Destin Daniel Cretton Drammatico U.S.A., 2017 Una giovane donna di successo è cresciuta accudita da genitori anti-conformisti, una madre eccentrica e un padre alcolizzato. Il padre, vivendo nella povertà più assoluta a causa del suo licenziamento, distraeva i suoi figli raccontando... Guarda la scheda del film